Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Ricicliamo il passato, costruiamo il futuro

Leader nel mondo per il riciclaggio, CAMS offre una gamma completa di macchine per la frantumazione e la vagliatura del fresato d’asfalto. Dalla progettazione alla realizzazione, la filiera tecnologico-produttiva è totalmente Made in Italy, o meglio Made in CAMS

Azienda consolidata, Produttore di impianti di frantumazione dal 1964, CAMS (http://www.camssrl.it/it/) ha costruito una struttura portante che racchiude al suo interno team di Ingegneri esperti, squadre di Tecnici e una rete di vendita specializzata e orientata al mercato che l’hanno portata a rimanere al passo con l’evoluzione tecnologica e sensibile alle problematiche ambientali tanto da farne il proprio slogan: il futuro è verde!

Se in Italia, oggi, la percentuale di conglomerato bituminoso riutilizzato è solo il 20% circa di quello disponibile, in altri Paesi dell’Unione Europea questo dato arriva a toccare il 90%.

  • CAMS
    1 cams
    CAMS vuole contribuire alla crescita del riuso di conglomerato bituminoso sviluppando impianti in grado di recuperare una quantità di bitume doppia rispetto ai vecchi sistemi
  • riuso
    2 cams
    La realizzazione del prototipo Minotauro in 3D
  • prototipo
    3 cams
    La tramoggia idraulica con integrato il sistema di spintori 5. UTS 1000-2 e UVS 25/2 per la frantumazione primaria e la vagliatura
  • tramoggia
    4 cams
    L’impianto per il recupero del fresato realizzato da CAMS, trituratore primario, vaglio e frantumatore secondario senza interruzione del ciclo di lavorazione
  • fresato
    5 cams
    UTS 1000-2 e UVS 25/2 per la frantumazione primaria e la vagliatura
  • frantumazione
    6 cams
    UCS 1200 e UVS 25/2 per la frantumazione secondaria e la vagliatura
  • Tecnologia
    7 cams
    Il Centauro L 120.56 con ciclo chiuso
  • Centauro
    8 cams
    Gli impianti CAMS per il recupero dell’asfalto

Da qui nasce l’obiettivo di CAMS di contribuire alla crescita del riuso di questo materiale, sviluppando impianti che, grazie a tecnologie all’avanguardia, siano in grado di recuperare una quantità di bitume doppia rispetto ai vecchi sistemi abbattendo al minimo l’impatto ambientale del loro funzionamento e delle lavorazioni. Sulla lavorazione dell’asfalto, CAMS ha concentrato i suoi impegni e le sue risorse negli anni per realizzare soluzioni che non solo portassero al risultato finale ma che lo facessero nel modo più efficiente e permettessero il recupero di quanto più materiale possibile.

Dopo la tecnologia a due alberi a rotazione lenta che aveva portato la radicale limitazione dei consumi degli impianti, CAMS ha di recente sviluppato e protetto con brevetto internazionale un sistema di spintori che consente il recupero non solo del fresato ma anche delle placche d’asfalto.