Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Smart Road e guida connessa: scenari tecnologici, provvedimenti e sviluppi

Dalla Future Mobility Week tenutasi a Torino in Ottobre, si propone quanto emerso dalla Sessione Smart Road and Infrastructures

sfondo merendi

“Smart Road” e “auto connessa” sono due settori ad altissimo livello di innovazione ed espansione in tutti i Paesi; in Italia hanno acquisito un ruolo ancor più rilevante con la recente pubblicazione di due Decreti che hanno sancito l’avvio della loro fase attuativa in coerenza con le Direttive UE.

In particolare, con il Decreto Smart Road (D.M. 28/02/2018 – Modalità attuative e strumenti operativi della sperimentazione su strada delle soluzioni di Smart Road e di guida connessa e automatica) sono state pubblicate anche le “Specifiche Funzionali” del processo di trasformazione digitale e di adeguamento tecnologico delle infrastrutture stradali nell’ambito del quale rientra anche il monitoraggio strutturale delle infrastrutture.

Si definiscono Smart Road le infrastrutture stradali per le quali è compiuto, secondo le specifiche funzionali di cui all’art. 6, c.1 del Decreto, un processo di trasformazione digitale orientato a introdurre piattaforme di osservazione e monitoraggio del traffico, modelli di elaborazione dei dati e delle informazioni, servizi avanzati ai Gestori delle infrastrutture, alla Pubblica Amministrazione e agli utenti della strada, nel quadro della creazione di un ecosistema tecnologico favorevole all’interoperabilità tra infrastrutture e veicoli di nuova generazione.

Il processo di trasformazione digitale è finalizzato al miglioramento dell’assistenza al viaggio e alla guida, della gestione del traffico, dell’informazione avanzata ai viaggiatori, della resilienza delle reti e della gestione degli scenari ordinari e di intervento, alla sicurezza stradale con l’introduzione di soluzioni e servizi innovativi abilitati dalle tecnologie, alla interoperabilità con i veicoli di nuova generazione e alla messa in esercizio di servizi C-ITS, a partire da quelli denominati “Day-1” dalla piattaforma europea C-ITS.