Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

La nuova circonvallazione di Bressanone e Varna – prima parte

È in via di completamento la circonvallazione di Bressanone e sta per iniziare quella di Varna: insieme costituiscono un caso di eccellenza con soluzioni estreme

La nuova circonvallazione di Bressanone e Varna - prima parte

Tra l’imbocco naturale e quello artificiale, con un approfondimento dello scavo a pozzo sostenuto da paratie berlinesi sui quattro lati, è stata realizzata una camera per predisporre l’intersezione su due livelli della galleria proveniente dallo svincolo centrale (attualmente in fase di esecuzione), che si dirama in direzione Ovest dalla tratta all’aperto compresa tra le gallerie Nord e Sud del primo lotto, per rientrare subito verso l’abitato di Bressanone con un ridotto raggio di curvatura (R = 85,60 m).

La terza parte del tracciato comprende la tratta all’aperto con il ramo dello svincolo centrale, e poi tutta la galleria Nord, (lunghezza complessiva 782 m), prevalentemente scavata in artificiale, fino all’uscita nei pressi dell’ospedale di Bressanone, ove continua in parallelo all’Autostrada del Brennero e si raccorda con una bretella di collegamento alla rotatoria sulla quale si innestano la S.S. 12 della Valle Isarco e la S.S. 49 “della Val Pusteria”.

La galleria Nord ha dovuto risolvere il difficile sottopasso, scavato in galleria naturale, con la linea ferroviaria del Brennero, sempre in terreni sciolti (depositi di conoide e alluvioni recenti) con coperture minime di circa 6 m e con angoli di incidenza estremamente ridotti e incompatibili con l’impiego di manufatti a spinta.

Particolare attenzione è stata posta agli aspetti legati alla sicurezza, in termini di vie alternative di fuga e/o accessi di soccorso, nell’eventualità del manifestarsi di situazioni di emergenza. A tale proposito, il progetto della galleria Sud prevede, lungo lo sviluppo del tracciato, la presenza di due vie di fuga pedonali di emergenza di circa 80 m di lunghezza.

La quarta e ultima parte del tracciato è costituita dalla circonvallazione di Varna, che si caratterizza per il suo inserimento planialtimetrico non semplice, in un territorio caratterizzato da vincoli di natura ambientale e paesaggistica, ma soprattutto dall’estrema vicinanza con l’Autostrada del Brennero.

Ciò ha determinato la necessità di operare scelte progettuali congruenti con il quadro complessivo della zona, come la scelta di passare in galleria sotto il rio Scaleres e sotto all’area di servizio autostradale Plose, consentendo così anche un futuro ampliamento della stazione di servizio.