Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Raffaele Mauro: l’uomo che… diffonde cultura

Intervista a Raffaele Mauro, Presidente della Società Italiana di Infrastrutture Viarie (SIIV)

Raffaele Mauro: l’uomo che… diffonde cultura
“Strade & Autostrade”: “Cos’è la SIIV e di cosa si occupa?”.

“Raffaele Mauro”: “La SIIV “Società Italiana di Infrastrutture Viarie”, Società no profit fondata nel 1990, rappresenta gran parte dell’Accademia italiana del settore scientifico disciplinare (SSD) ICAR/04 “Strade ferrovie aeroporti” con lo scopo statutario di promuovere e di agevolare la diffusione della cultura e delle conoscenze scientifiche nel campo delle infrastrutture viarie, sia all’interno degli Atenei sia rivolgendosi agli Enti operanti nel comparto della mobilità. Sono 27 anni che la SIIV è il luogo dove vengono condivise e discusse i risultati delle ricerche nel settore delle infrastrutture di trasporto e si generano le linee di dibattito per lo sviluppo e la diffusione delle conoscenze di contenuto scientifico ma anche tecnico-professionale”.

“S&A”: “Chi è il “tipico” socio SIIV?”.

“RM”: “Della SIIV fanno parte Ricercatori, Esperti e Tecnici coinvolti nella progettazione, costruzione, manutenzione e gestione di strade, ferrovie ed aeroporti. Il socio tipico è lo studioso delle discipline delle infrastrutture viarie presso le sedi universitarie, ovvero Professori e Ricercatori, con particolare attenzione alla figura del Socio junior ovvero del Ricercatore più giovane anagraficamente o in formazione che trova nella SIIV il senso di appartenenza ad una comunità scientifica”.

“S&A”: “Nel vostro Statuto si parla di “incoraggiare la condivisione di conoscenze, esperienze ed idee su argomenti topici del settore”: come agite per perseguire tali scopi?”.

“RM”: “La SIIV è attiva in diversi ambiti. Nel dibattito sullo sviluppo e sull’analisi critica del quadro normativo inerente la progettazione, l’esercizio, la manutenzione e la gestione delle infrastrutture viarie, nei tavoli di confronto con le altre discipline dell’Ingegneria Civile, nei luoghi della formazione continua universitaria e professionale per promuovere o supportare le iniziative di carattere nazionale e sovranazionale, ma anche nelle sedi locali, in affiancamento ad Ordini Professionali, Amministrazioni Pubbliche, Imprese”.

In una pausa, il nostro interlocutore ci confessa che l’ultimo libro che ha letto è una raccolta di saggi di Bernard Williams, tra i maggiori Filosofi inglesi contemporanei: “Il senso del passato – Scritti di storia della filosofia”. Inoltre, veniamo a sapere che non va al cinema da tempo: l’ultimo film che ha visto è stato “La grande bellezza” che lo ha rafforzato nel convincimento che in giro, poi, non c’è molto di interessante da vedere.