Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Massimo Simonini: l’uomo che… ha l’ANAS nel cuore

Intervista in esclusiva a Massimo Simonini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di ANAS SpA e Presidente della World Road Association (PIARC) per l’Italia

sfondo intervista
“S&A”: “Perché anche le barriere spartitraffico?”.

“MS”: “Molte strade statali attraversano territori complessi dal punto di vista orografico che limitano la larghezza della carreggiata e sono necessari spartitraffico di ridotte dimensioni in grado di garantire sicurezza in spazi limitati.

Per questo motivo un team di Ingegneri ANAS ha progettato una nuova barriera spartitraffico centrale #salvamotociclisti ad hoc con l’obiettivo di elevare ulteriormente gli standard di sicurezza sulle nostre strade.

Infatti, un contributo senz’altro determinante nell’abbattimento degli incidenti mortali consiste proprio nell’aumentare la sicurezza passiva espressa dalle nostre nuove barriere stradali”.

“S&A”: “La maggior parte degli incidenti oggi è imputabile alla distrazione, per cui ANAS ha attivato la Campagna (e l’App) “guida e basta”. Avete avuto riscontri positivi? Sarà proseguita in futuro?”.

“MS”: “Migliorare la sicurezza e il comfort di guida delle nostre strade è una delle mission, se non la mission, dell’Azienda. Ma alle strade sicure si deve necessariamente accompagnare una sensibilizzazione all’educazione e alla cultura della sicurezza del cittadino.

Per questo, negli ultimi anni, ci siamo fatti promotori, in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Polizia di Stato, di campagne di informazione che evidenzino la necessità di una maggiore attenzione alla guida e al rispetto delle regole del Codice della Strada.

Il messaggio “Quando guidi #guidaebasta è ormai riconosciuto da molti, grazie anche alle nostre manifestazioni, ai contest musicali, all’App che sottolineano i rischi che derivano dalla distrazione e dalle cattive abitudini alla guida”.

Salutando, ringraziamo per la pazienza e per le risposte più che esaustive forniteci. Abbiamo recentemente letto l’aforisma della Scrittrice statunitense Willa Sibert Cather “Nessuno può costruire la propria sicurezza sulla nobiltà d’animo di un altro”: parafrasandone il contesto, riteniamo che sia responsabilità di ogni utente della strada l’aiutare – in particolare con comportamenti corretti – chi si impegna per la nostra salvaguardia, come fa ANAS da oltre 90 anni.

Alla prossima!