Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Massimo Simonini: l’uomo che… ha l’ANAS nel cuore

Intervista in esclusiva a Massimo Simonini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di ANAS SpA e Presidente della World Road Association (PIARC) per l’Italia

sfondo intervista

Torniamo dentro il palazzo romano che accoglie la sede di ANAS e dove ci siamo sempre sentiti non come Giornalisti ma come veri e propri ospiti di riguardo e, in alcuni casi, vecchi amici.

Veniamo accompagnati nella stanza dell’Amministratore Delegato dove, in un ambiente in stile moderno – computer compreso – non possono mancare elementi distintivi della storia della Società: cimeli antichi, loghi e bandiere che alcuni colleghi – come ci confiderà l’Ingegnere – gli hanno regalato negli anni.

Mentre ci accomodiamo, ci viene offerto un ottimo caffè e il nostro ospite confessa di prediligere un cappuccino e qualche biscotto non avendo, di prima mattina, molto appetito. Lo conosciamo da anni e iniziamo subito con la prima domanda…

  • ANAS
    1 intervista
    L’Ing. Massimo Simonini, Amministratore Delegato e Direttore Generale, con i Cantonieri ANAS
  • Rete stradale
    2 intervista
    Lavori notturni di rifacimento di una pavimentazione stradale
  • Smart Road
    3 intervista
    Esempio di Smart Road ANAS
  • Infrastrutture
    4 intervista
    La galleria di Monza sulla S.S. 36
  • Traffic Speed Deflectometer
    5 intervista
    Il TSD - Traffic Speed Deflectometer
  • Massimo Simonini
    6 intervista
    L’Ing. Massimo Simonini di ANAS
“Strade & Autostrade”: “Un AD che proviene dall’Azienda: quali sono i vantaggi di… giocare in casa?”.

“Massimo Simonini”: “Conoscere bene l’Azienda e le persone che le danno vita è un grande vantaggio. In oltre 20 anni di servizio ho avuto l’opportunità di occuparmi di tutte le principali attività della mission di ANAS: dalla progettazione delle nuove opere alla pianificazione della manutenzione della rete, compresa la gestione delle emergenze.

E’ un percorso che mi ha permesso di acquisire una profonda conoscenza delle dinamiche aziendali e del grande valore delle donne e degli uomini di ANAS. Questo significa poter identificare da subito i punti di forza e le aree di miglioramento”.