Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

L’uomo che… condivide il sapere (tecnico) sulle strade

Intervista in esclusiva a Gianni Vittorio Armani, AD di ANAS e Presidente del Comitato Italiano di AIPCR

sfondo intervista
“S&A”: “Restando in ambito internazionale, quali sono le prospettive internazionali di ANAS SpA dopo la recente “fusione” con Ferrovie dello Stato?”.

“GVA”: “L’ingresso di ANAS nel Gruppo FS Italiane ha portato alla creazione del primo polo europeo integrato di infrastrutture ferroviarie e stradali per abitanti ed investimenti. Con l’operazione, il sistema Italia si è dotato di un Player internazionale in grado di presidiare l’intera gamma dei servizi legati alle infrastrutture di mobilità e in possesso dell’esperienza e dei requisiti necessari per competere su un mercato internazionale altamente competitivo.

Non casualmente l’idea dell’integrazione di ANAS in FS è nata durante una missione governativa in Iran, dove risulta molto prezioso il contributo delle nostre aziende di trasporto sia per quanto riguarda le strade che le ferrovie.

Ci siamo chiesti: non sarebbe più logico integrare le nostre offerte, razionalizzarle e ottimizzarle presentando all’Iran (e agli altri Paesi del mondo interessati) un’offerta completa, integrata e congiunta, comprensiva sia dei progetti stradali che ferroviari.

Lo abbiamo pensato e lo abbiamo fatto. Oggi nel mondo, si ragiona in termini di mobilità come servizio integrato, non più in termini di singolo settore. Anche per questo in alcuni Paesi europei, come la Svezia, l’Irlanda e il Portogallo, le amministrazioni stradali e ferroviarie si sono fuse già da alcuni anni. È un trend mondiale di cui oggi, l’Italia rappresenta un’eccellenza internazionale.

L’ampliamento dell’offerta ai servizi multimodali aumenterà la capacità di penetrazione dei mercati internazionali, producendo benefici immediati e aumentando le opportunità di business. Nelle aree commerciali di interesse dove entrambi i gruppi sono già presenti, l’integrazione comporterà sinergie nella condivisione dei servizi e il conseguente efficientamento di risorse e mezzi, mentre nelle zone di potenziale sviluppo, l’attività congiunta e la completezza dei servizi di trasporto offerta conferiranno al nuovo gruppo una maggiore forza nello sviluppo delle iniziative commerciali”.

Ringraziamo per le esaustive risposte e salutiamo per la gentilezza e la pazienza dimostrateci. Usciamo e, se possibile, la calura si fa sentire ancora di più: tuttavia siamo contenti (anche se – mentre andiamo online – non c’è ancora il nuovo Governo) perché ci sono persone che pensano e agiscono anche per noi, con orgoglio tutto italiano. Qualcuno ha scritto: “Gli uomini orgogliosi imparano in vecchiaia ad essere saggi”.

Noi, con il nostro ospite, ci siamo portati avanti. Alla prossima!

Curriculum Vitae di Gianni Vittorio Armani

Gianni Vittorio Armani è Amministratore Delegato e Direttore Generale di ANAS dal 23 Gennaio. In precedenza è stato Presidente e Amministratore Delegato della Società dal 18 Maggio 2015. Dal 1980 al 1985 studia e si diploma presso il Liceo Scientifico Massimiliano Massimo di Roma.

Nel 1993 consegue la Laurea in Ingegneria elettronica presso l’Università di Roma “La Sapienza” e, dal 1996 al 1998, un Master in Business Administration in Gestione finanziaria presso la MIT Sloan School of Management di Cambridge (MA-USA). Dal 1998 al 2003 lavora in McKinsey & Company e, nel biennio 1995-1996, in Telecom Italia SpA alla Divisione Clienti privati.

Dal 2003 al 2005 collabora con la GRTN Gestore della Rete Elettrica Nazionale. Dal 2005 al 2015 ricopre il ruolo di Amministratore Delegato di Terna Rete Italia SpA, Società del Gruppo che si occupa dell’esercizio, della manutenzione e dello sviluppo della rete elettrica di trasmissione nazionale con 60.000 km di linee elettriche alta tensione, circa 3.100 Dipendenti, 400 milioni di Euro di fatturato e 1 miliardo di investimenti, ricoprendo anche gli incarichi di Direttore Operations Italia e di Direttore Programmazione e Sviluppo della rete.