Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

L’importanza della verifica e della validazione di progetto nelle opere pubbliche

Abbiamo intervistato il Dott. Alessandro Pandolfi, Direttore Tecnico e Legale Rappresentante del Gruppo Pro Iter, e l’Ing. Mauro Moroni, Responsabile Tecnico dell’Organismo di ispezione della Società, l’unico di tipo C accreditato insieme a quello del Politecnico di Milano

L’importanza della verifica e della validazione di progetto nelle opere pubbliche

Pro Iter e il suo Organismo di ispezione

La Società di ingegneria Pro Iter è, insieme al Politecnico di Milano, l’unico soggetto in Italia ad avere al proprio interno un Organismo di tipo C, ovvero un soggetto accreditato a svolgere attività di ispezione che può far parte di un’organizzazione più ampia e in grado di svolgere anche altre funzioni, a patto che sia garantita la separazione tra l’attività di verifica e quella progettuale.

Sull’argomento, e sulla necessità di farne comprendere l’importanza, abbiamo posto una serie di domande al Dott. Alessandro Pandolfi – cofondatore di Pro Iter Infrastrutture e territorio, Pro Iter Ambiente e Pro Iter Project Construction Management, Direttore Tecnico e Legale Rappresentante del Gruppo Pro Iter, membro del Consiglio Direttivo OICE e del Comitato di indirizzo e garanzia di Accredia – e all’Ing. Mauro Moroni, Responsabile Tecnico dell’Organismo di ispezione della Società, che ha alle spalle un’esperienza ultratrentennale nel campo dell’ingegneria e quasi ventennale nei processi di verifica e validazione dei progetti di opere pubbliche.

“Strade & Autostrade”: “Dott. Pandolfi, Pro Iter risulta essere l’unico Organismo di ispezione di tipo C accreditato insieme al Politecnico di Milano: perché le Società di ingegneria non sono interessate al mercato delle verifiche di opere di importo superiore ai 20 milioni, che appare in forte crescita?”.

“Alessandro Pandolfi”: “Pro Iter nel 2017 ha ottenuto l’accreditamento come Organismo di ispezione di tipo C per le verifiche progettuali ai fini della validazione anche oltre i 20 milioni di importo delle opere, ma come dice lei rappresenta di fatto l’unico caso di Organismo in seno a una Società di ingegneria che opera nel mercato libero.

Abbiamo maturato la decisione di accreditarci sin dal 2015, con la convinzione che la verifica della progettazione, prima della fase di appalto dei lavori, rappresentasse un momento di fondamentale importanza nel corso della procedura di realizzazione delle opere pubbliche (e non solo), e che stesse nascendo un mercato all’interno del quale le Società di ingegneria avrebbero potuto e dovuto rivestire un ruolo centrale e determinante in virtù di una competenza specifica”.