Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Mario Virano: l’uomo che… osserva

Intervista all'Arch. Mario Virano, Presidente dell'Osservatorio Valle di Susa e Commissario Straordinario del Governo per la nuova linea ferroviaria Torino-Lione

Mario Virano: l’uomo che... osserva

“S&A”: “Le tre discenderie sul lato francese sono state ormai completate: come procedono invece le opere “complementari” sul lato italiano?”.
“MV”: “Considerato che il tunnel di base è di 57 km di cui però 45 km sono in Francia, si comprende perché lì si siano realizzate tre discenderie mentre in Italia ne basti una, essendo il nostro Paese interessato solo da 12 km di galleria. La nostra discenderia è di 7,5 km; il cantiere, che procede ormai regolarmente è a Chiomonte (in località La Maddalena) e vede impegnati circa 120 addetti su tre turni per sette giorni a settimana, con una prevalenza di manodopera locale e un significativo indotto per le Imprese del territorio”.

“S&A”: “A proposito di gallerie, nell’Aprile 2011 è stata avviata la fase realizzativa della galleria di Base del Brennero: è già possibile fissare una data simile anche per il Traforo di Base del Mont d’Ambin? Al momento è già stata ipotizzata una data di messa in esercizio dell’opera? Per l’intera infrastruttura, qual è il cronoprogramma sino alla messa in esercizio dell’opera?”.
“MV”: “Il 30 Gennaio 2012 i due Governi hanno firmato l’Accordo binazionale che innova quello del 2001 tra i due Paesi: tale accordo deve essere ratificato dai due Parlamenti; la Francia ha già inoltrato all’Assemblea Nazionale il relativo Disegno di Legge, mentre l’Italia – a causa delle note vicissitudini politiche – deve ancora procedere in tal senso. Dalla ratifica, consegue la possibilità di costituire entro l’anno il nuovo Promotore che subentri ad LTF e che sia abilitato a bandire le gare per i lavori principali il cui inizio è calendarizzato tra la seconda metà 2014 e la primavera 2015. Nel frattempo, sempre entro l’anno, è prevista la chiusura della procedura approvativa del Progetto Definitivo in Italia e l’affinamento tecnico di quello già approvato in Francia. La durata prevista dei lavori per l’intero tunnel di base è di circa dieci anni, per cui l’entrata in servizio della sezione transfrontaliera della Torino-Lione è prevista all’orizzonte 2025”.