Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

L’uomo che… garantisce i contratti

Intervista al Prof. Sergio Santoro, Presidente dell'Autorità per la Vigilanza sui Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

“Strade & Autostrade”: “Di cosa si occupa l’AVCP?”.
“Sergio Santoro”: “L’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici è una Autorità amministrativa indipendente il cui compito principale è la vigilanza sui contratti pubblici di qualsiasi tipo, cioè di lavori, di servizi e di forniture in tutti i settori dell’ordinamento per garantire la trasparenza, la correttezza e la concorrenza nell’affidamento di tali contratti. L’Autorità segnala a Governo e Parlamento le disfunzioni, le irregolarità, emette pareri su richiesta degli operatori economici e delle Pubbliche Amministrazioni”.

Immagini

  • Il Prof. Sergio Santoro, Presidente dell’Autorità per la Vigilanza sui Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture
    article_352-img_5170
    Il Prof. Sergio Santoro, Presidente dell’Autorità per la Vigilanza sui Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture
  • article_352-img_5171
  • article_352-img_5172
  • article_352-img_5173
  • article_352-img_5174

“S&A”: “Com’è la situazione italiana negli appalti pubblici, con particolare riferimento al settore delle infrastrutture di trasporto?”.
“SS”: Nel corso del 2011 sono stati perfezionati appalti per l’importo complessivo di 106 miliardi di Euro (IVA esclusa) pari  a circa l’8,1% del Pil. I lavori pubblici complessivamente hanno subìto una riduzione rispetto all’anno precedente di circa quattro miliardi, concentrata soprattutto nei settori ordinari e negli appalti di valore medio-piccolo”.

“S&A”: “Come può una spesa più efficiente nell’ambito degli appalti contribuire alla spending review?”.
“SS”: “In un periodo di grande difficoltà della finanza pubblica, occorre rendere più efficiente e trasparente la spesa nel mercato dei contratti pubblici in quanto i costi sono rilevanti e costituiscono la parte di spesa pubblica più facilmente ridimensionabile. Il sistema di vigilanza e di controllo sviluppato dalla Autorità rappresenta un utile elemento per il raggiungimento degli obiettivi indicati dal Governo. Strettamente collegata sia alle problematiche di crescita del sistema produttivo che al tema della spending review è anche l’annosa questione dei ritardati pagamenti della Pubblica Amministrazione verso i fornitori ed i conseguenti gravi danni al sistema delle Imprese”.

“S&A”: “Qual è l’attività e l’importanza del Contract Center dell’AVCP?”.
“SS”: “Il servizio di contact center rappresenta un importante strumento di interazione e di assistenza a disposizione di tutti i soggetti che interagiscono con l’Autorità, nonché un punto di osservazione del mercato vigilato, della sua composizione, dei fabbisogni informativi che esprime nonché dell’impatto che l’attività legislativa e di regolazione nel settore dei contratti pubblici genera tra gli Stakeholders”.

“S&A”: “Quali sono le finalità della BDNCP (Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici) e da quando si prevede sia operativa?”.
“SS”: “L’AVCP contribuisce al processo in atto per la revisione della spesa pubblica anche mediante l’implementazione della BDNCP che raccoglierà, a partire dal 1° Gennaio 2013, tutti i dati e la documentazione utile per la comprova dei requisiti generali e di carattere tecnico-organizzativo ed economico finanziario necessari per la partecipazione agli appalti che rientrano nella disciplina del codice dei contratti pubblici”.

“S&A”: “In merito alla lievitazione dei costi e della durata dei cantieri per le opere in presenza di contenziosi: qual è la situazione?”. 
“SS”: “Strettamente connesso alla durata dei lavori e all’eccessivo ricorso a varianti in corso d’opera è l’insorgere del contenzioso in particolare di quello arbitrale. Nel corso del 2011 il costo delle opere con la presenza di contenzioso è lievitato del 27,52% in percentuale superiore al valore registrato nel 2010 che era pari al 22,6%. La Pubblica Amministrazione è risultata soccombente, totalmente o parzialmente, nel 97,46% nei giudizi arbitrali”.

“S&A”: “Con l’introduzione del “Bando quadro” si può migliorare? E quando se ne prevede l’adozione?”.
“SS”: “L’Autorità ha adottato uno schema di determinazione, denominato Bando quadro, al fine di fornire indicazioni generali interpretative sui contenuti fondamentali della documentazione di gara. L’obiettivo è di ridurre il contenzioso amministrativo dovuto anche alla disomogeneità delle disposizioni di gara ed all’incertezza sulla interpretazione delle Norme”.

“S&A”: “Quale importanza può avere il PPP (Partenariato Pubblico Privato) negli appalti?”.
“SS”: “Il Partenariato pubblico-privato rappresenta indubbiamente uno strumento idoneo a colmare il divario, oggi sempre più rilevante, tra le risorse disponibili e la necessità di infrastrutture e di servizi qualificati. Tuttavia, va riconosciuto che a tale strumento non reca vantaggio l’eccessiva produzione legislativa”.