Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Konrad Bergmeister: l’uomo che… rimpicciolisce l’Europa

sfondo intervista

Questa dimensione europea e il conseguente effetto sullo spazio economico e vitale potranno realizzarsi, grazie alla galleria di base del Brennero, solo se la logistica ferroviaria a Nord e a Sud sarà potenziata in maniera adeguata ed efficace. Sviluppando alcuni Corridoi transeuropei TEN-T, in futuro l’Europa diventerà il continente delle ferrovie”.

Quando il Prof. Bergmeister parla lo fa con un entusiasmo che contagia: parole semplici, chiare ed esaustive che permettono di vedere e di comprendere l’importanza di un lavoro che non è “solamente” di alta ingegneria/architettura, ma un’opera infrastrutturale anche in grado di condizionare – in positivo – lo sviluppo dei territori interessati.

“S&A”: “Come procedono i lavori sull’asse principale, lato Fortezza e lato Innsbruck?”.

“KB”: “La costruzione della galleria di base del Brennero prosegue rapidamente. A tutto il 2017 è stato scavato un terzo delle gallerie, il che corrisponde a circa 78 km, di cui 18 di gallerie principali, 30 di cunicolo esplorativo e circa 30 di gallerie di accesso, di soccorso e logistiche. Oltre l’80% dei lavori di costruzione è già stato messo a gara e affidato.

Nel corso del 2018 saranno operativi quattro cantieri:

  • il sottoattraversamento dell’Isarco, a Nord di Fortezza (Italia);
  • Mules 2+3 – da Mules a Brennero (Italia);
  • Pfons-Brennero (Austria);
  • Tulfes-Pfons (Austria).

Con turni di 24 ore, gli operai, i Tecnici e tutti i Collaboratori svolgono ogni giorno un lavoro straordinario. Attualmente, la galleria di base del Brennero dà lavoro – in modo diretto e indiretto – a circa 1.200 persone. Tra l’altro, in collaborazione con le Università, si sviluppano inoltre nuovi metodi e innovazioni, non solo afferenti alla costruzione di gallerie.