Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

“Punto di Vista: criticità delle infrastrutture sulla rete viaria”

Marco di Prisco

Questa probabilità fa i conti con le sollecitazioni e le condizioni ambientali previste dal Progettista, ma a queste talvolta si aggiungono sollecitazioni imprevedibili che non vengono considerate nella progettazione, verso le quali il Progettista oggi si limita a ideare un sistema strutturale “robusto” che, pertanto, risulta capace di proporzionare l’effetto alla causa, scongiurando effetti catastrofici ingenerati da cause di limitate proporzioni, sebbene impreviste.

Una dimostrazione evidente di quanto affermato si coglie dai dati rivelati in un Seminario del 2017 tenutosi al Politecnico di Milano dal Prof. W. Phillip Yen, Presidente della International Association of Bridge Earthquake Engineering (IABEE), nonché Capo Ingegnere nel settore della dinamica strutturale dei ponti presso la Federal Highway Administration del Dipartimento dei Trasporti degli USA e Coordinatore Scientifico di diversi programmi di ricerca internazionali su temi infrastrutturali.

Su un patrimonio di circa 600.000 ponti costruiti negli USA (contro i circa 46.000 presenti in Italia), nel periodo 1980- 2012 hanno raggiunto il collasso 1.062 ponti. Le cause principali sono state eventi imprevedibili quali alluvioni (28%), collisioni (15%), incendi (3%), venti eccezionali (2%), errori progettuali o esecutivi (11%) ed eventi prevedibili, quali degradi dovuti all’ambiente (durabilità: 7%), terremoti (2%), scalzamento delle fondazioni (19%) ed eccesso di carico (13%).

Da questi dati emerge che, come confermato in Italia in questi ultimi anni, i crolli avvengono per cause diverse.

La probabilità di accadimento dovuta all’invecchiamento del patrimonio infrastrutturale – che, come un autoveicolo, viene progettato oggi per una vita utile limitata al fine di ottimizzare le risorse necessarie alla sua costruzione – è destinata però ad aumentare nel prossimo futuro, come evidenzia l’esame dell’istogramma proposto sempre dal Prof. Yen, sempre con riferimento alla situazione dei ponti negli Stati Uniti.

La situazione dei ponti negli USA (istogramma tratto dal Seminario “Developing Bridge Technologies to Meet Future Challenges” tenuto dal Prof. W. Phillip Yen