Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Il Punto di Vista: “MaaS: un passo concreto verso la mobilità sostenibile”

Rossella Panero, Presidente di TTS Italia

Rossella Panero - MaaS

MaaS – L’UE si è impegnata a diventare a impatto climatico zero entro il 2050.

A tal fine, il settore dei trasporti deve subire una trasformazione che richiederà una riduzione del 90% delle emissioni di gas a effetto serra, garantendo nel contempo soluzioni a prezzi accessibili ai cittadini.

In questo contesto, e in quello delle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, si inserisce il Mobility as a Service (MaaS) che già da tempo accende i dibattiti nazionali e internazionali, avendo di fatto a che fare con il futuro della nostra mobilità.

Il MaaS è un nuovo concetto di mobilità che prevede l’integrazione di più servizi di trasporto pubblici e privati in un unico servizio, accessibile via smartphone, grazie a una piattaforma con molteplici funzioni e un unico sistema di pagamento. Un servizio capace di rispondere, attraverso una sola app, in modo personalizzato a tutte le specifiche esigenze di mobilità e in grado di offrire una reale alternativa all’uso esclusivo dell’auto privata come soluzione per gli spostamenti.

Il MaaS costituisce, quindi, una delle più grandi sfide per la mobilità tra quelle attuali, ma si tratta di un percorso lungo e che coinvolge tutti gli attori del settore: operatori del trasporto, fornitori di tecnologia, operatori digitali, Pubblica Amministrazione, cittadini.

L’obiettivo deve essere quello di accompagnare lo sviluppo e la diffusione del MaaS secondo modelli di ecosistemi aperti, che favoriscano l’innovazione nel settore della mobilità in un mercato libero e senza condizioni di monopolio, a beneficio di cittadini e ambiente. Un ecosistema MaaS realmente funzionante dovrebbe infatti generare benefici per tutti i soggetti coinvolti.

In questo scenario, il grande nodo da sciogliere resta la collaborazione tra pubblico e privato, un dialogo imprescindibile per arrivare a politiche prima – e azioni poi – di mobilità efficaci e concrete.

TTS Italia, come Associazione nazionale, è da sempre impegnata su questo fronte, offrendosi come punto di incontro tra due mondi spesso difficili da coniugare.

Non ci tireremo indietro nemmeno adesso, perché quella del MaaS è un’occasione importante e vorremmo contribuire a creare tutte le necessarie basi normative e tecnologiche per arrivare allo sviluppo concreto.

La mobilità va innovata e rinnovata e l’ottica sostenibile deve essere l’unica possibile.

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <