Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

L’analisi deformativa degli scavi di adeguamento di una galleria esistente

L’intervento, lo studio e le analisi effettuate nell’ambito dei lavori di adeguamento a sagoma della galleria Olmata

Per lo studio in esame, sono stati prefissati due obiettivi:

  1. riproduzione dello stato di fatto esistente;
  2. la simulazione delle fasi costruttive previste dall’intervento, al fine di valutare l’impatto in termini deformativi delle due fasi principali di scavo (fasi 3 e 7).

Si è dunque partiti dapprima da un’apposita campagna indagine mirata alla definizione delle caratteristiche geometriche e meccaniche delle strutture di rivestimento, nonché dei terreni di copertura e a tergo della struttura. Il rilievo geometrico della galleria è stato ottenuto mediante una nuvola di punti georeferenziata.

Gli spessori in gioco (rivestimento e piattaforma ferroviaria), invece, sono stati ricavati in un primo momento mediante indagini non distruttive basate su metodologia georadar che, in una fase successiva, sono stati confermati da una campagna indagini distruttiva (carotaggi).

Inoltre, trattandosi di un’opera risalente agli ultimi anni del 1800, è stato necessario valutare le condizioni di conservazione in cui si trova il rivestimento della galleria. Tale attività è stata svolta mediante applicazioni termografiche e fotografiche ad alta risoluzione.

Dunque, alla luce della suddetta fase di conoscenza, è stato riscontrato che le strutture di rivestimento sono costituite da blocchi di tufo squadrati e giunti di malta a matrice pozzolanacea, con spessori minimi di 40 cm tra calotta e piedritti e profondità di fondazione minime di circa 50-60 cm. Un dato fondamentale emerso, è stato inoltre l’aver constatato l’assenza di un arco rovescio a chiusura della struttura. Il modulo di elasticità delle murature scelto per il calcolo è di 4.000 MPa.

Per quanto riguarda invece l’inquadramento geotecnico-geologico ci si trova in un contesto di formazioni vulcaniche, che vanno da piroclastiti a densità e consistenza medio-basse, a tufi di buone caratteristiche meccaniche. Inoltre, non è stata riscontrata la presenza di una vera falda acquifera. Per la caratterizzazione geotecnica di calcolo sono stati scelti i parametri geotecnici riportati di seguito.