Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il raddoppio del traforo stradale del San Gottardo

La seconda canna sarà realizzata 70 m a Est del tunnel esistente e dovrebbe essere percorribile dal 2027

sfondo gottardo

Il cronoprogramma

Il progetto esecutivo è stato presentato questa primavera e ha ricevuto una prima opposizione presentata dall’Iniziativa delle Alpi. Tale opposizione non è in realtà diretta contro il progetto in sé, bensì nei confronti di “aspetti che riguardano il volume, il monitoraggio e il dosaggio del traffico” che, a loro avviso, “al momento sono insufficientemente integrati nel progetto”.

Nel progetto esecutivo si afferma che “nel corso delle prossime fasi di progettazione è necessario verificare quali misure siano necessarie per poter garantire il funzionamento del sistema di dosaggio anche durante le fasi di costruzione e ristrutturazione e nello stato finale”, frase che non soddisfa l’organizzazione, secondo la quale la futura capacità deve essere affrontata fin da subito, in maniera chiara e vincolante, affinché non sia superato il limite di 1.000 veicoli/ora per direzione nella galleria. Altre 13 opposizioni si sono poi aggiunte, ma al momento di andare in stampa non se ne conosce né il contenuto né gli autori dei ricorsi.

Il Dipartimento Federale dell’Ambiente, dei Trasporti, dell’Energia e delle Comunicazioni (DATEC) si esprimerà sui ricorsi, contro i quali si può fare appello al Tribunale Amministrativo Federale (TAF) ed eventualmente a quello Federale (TF). A conclusione dell’iter, il DATEC emetterà la decisione di approvazione dei piani: una volta che questa sarà definitiva, il progetto sarà cantierabile.

Nella migliore delle ipotesi i lavori prenderanno il via nel 2020. I tempi necessari per la realizzazione della seconda canna,a partire dall’assegnazione dei lavori principali, saranno di circa sette anni (2020-2027).

Non appena il nuovo traforo sarà operativo, si potrà chiudere quello esistente per dare il via agli interventi di risanamento e, salvo imprevisti, portare a regime l’intera galleria nel 2030, giusto in tempo per festeggiare i 50 anni del più lungo traforo stradale alpino.

Secondo le previsioni aggiornate alla fase di progetto generale, i costi per la realizzazione della seconda canna del San Gottardo sono indicati in circa 1,79 miliardi di Euro, con tolleranza per eccesso o per difetto del 10% (IVA esclusa) dato che conferma i calcoli di studi precedenti.