Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il caso della galleria Borzoli-Erzelli

Mitigazione delle vibrazioni indotte dall’avanzamento in galleria mediante esplosivo per il sovrappasso dell’Autostrada A10

Lo scavo di gallerie con esplosivo produce la propagazione di onde sismiche con conseguenti fenomeni vibratori nell’ammasso circostante. Se lo scavo interferisce con strutture
o infrastrutture preesistenti è necessario valutare preventivamente gli effetti prodotti su queste da tali fenomeni vibratori, onde poter prendere le contromisure eventualmente necessarie per evitare di danneggiarle.

Dal punto di vista teorico, la stima della sismicità indotta da volata è molto complessa, in quanto i parametri che influenzano le onde sismiche che si propagano nell’ammasso roccioso sono molteplici e, il più delle volte, è dispendioso, in termini economici, stimarli con sufficiente precisione.

  • Rocksoil
    1 rocksoil
    L’inquadramento dell’opera
  • Galleria
    2A rocksoil
    Le velocità tollerabili in funzione della frequenza (DIN 1450 e SN640 312a)
  • Rivestimento
    2B rocksoil
    Le velocità tollerabili in funzione della frequenza (DIN 1450 e SN640 312a)
  • Geologia
    3 rocksoil
    La ricostruzione geologica in corrispondenza dell’interferenza
  • Autostrada A10
    4A rocksoil
    La ricostruzione dello stato tensionale all’interno dei rivestimenti
  • Sovrappasso
    4B rocksoil
    La ricostruzione dello stato tensionale all’interno dei rivestimenti
  • Scavo
    4C rocksoil
    La ricostruzione dello stato tensionale all’interno dei rivestimenti
  • Sismicità
    5 rocksoil
    Il modello tridimensionale di calcolo non lineare agli elementi finiti
  • Modello di calcolo
    6 rocksoil
    Il modello di calcolo: lo stato tensionale nei rivestimenti

Un approccio comunemente utilizzato è legare l’intensità degli effetti, prodotti sulla preesistenza dai fenomeni vibratori, alla velocità di vibrazione delle particelle e alla frequenza, parametri facilmente misurabili tramite comuni sensori vibrometrici.

A partire dai valori misurati durante l’avvicinamento del fronte di scavo all’interferenza, è possibile ricostruire la specifica “legge del sito”, ovvero legare la velocità di vibrazione nel contesto in esame alla distanza dalla fonte e alla quantità di esplosivo che detona contemporaneamente. Tale legge consente non solo di prevedere l’effetto dello scavo in prossimità dell’interferenza a partire dai dati ottenuti a distanze maggiori, ma anche di valutare le possibili variazioni sulle volate da applicare al fine di ridurre gli effetti indotti e garantire la sicurezza delle strutture preesistenti.