Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Rabat Agdal, una stazione per la modernità

GCF in festa in Marocco per l’Alta Velocità

sfondo gcf

In particolare:

  • tratto Tangeri-Rabat: sezione complessiva di circa 367 mm2 costituita da una corda portante in rame (Cu) di 153,7 mm2 e due fili di contatto da 107 (Cu) mm2 ognuno regolati automaticamente mediante dispositivi di tensionatura costituiti da taglie con rapporto 1:5 e contrappesi. Feeder di alimentazione in rame costituito da due conduttori da 153,7 mm2 e cavo di protezione alluminio/acciaio da 116 mm2;
  • tratto Rabat-Casablanca: sezione complessiva di circa 393,7 mm2 costituita da una corda portante in rame da 153,7 mm2 e due fili di contatto da 120 (Cu) ognuno regolati automaticamente mediante dispositivi di tensionatura costituiti da taglie con rapporto 1:5 e contrappesi. Feeder di alimentazione in rame costituiti da due conduttori da 300 mm2 e cavo di protezione alluminio/acciaio (Al – Ac).

Su entrambe le tratte la sospensione impiegata è quella standard ONCF, in acciaio a puntone inclinato (sostituita dalla mensola in alluminio tipo Omnia nelle stazioni di Rabat Agdal e Mohammedia).

L’altezza della linea di contatto varia tra 4,7 e 6 m (mediamente 5,5 m). I pendini realizzano il collegamento meccanico-elettrico tra la corda portante e i fili di contatto sono in rame e di sezione diversa nei due tratti indicati e, mediante un sistema di calcolo, sono distanziati in maniera tale da rendere uniforme e lineare il piano di contatto con il pantografo. I blocchi di fondazione sono in calcestruzzo armato e i pali intralicciati in acciaio.