Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Migliorare l’interoperabilità del trasporto ferroviario di merci

L’Agenzia Ferroviaria Europea (AFE) ha pubblicato un rapporto sulle facilitazioni per il trasporto combinato

sfondo tras

Il trasporto merci è essenziale per l’economia europea e lo sviluppo regionale. Per massimizzarne l’efficienza, vari metodi di trasporto sono utilizzati. Diversi studi hanno dimostrato che, sulle lunghe distanze, il trasporto ferroviario e quello per le vie d’acqua interne sono i più efficienti.

Per ridurre al minimo le barriere tecniche e amministrative all’interno del territorio europeo, è stata sviluppata una serie di misure tecniche (Technical Specifications for Interoperability – TSIs).

  • Agenzia Ferroviaria Europea
    1 tras
    La sede dell’Agenzia Ferroviaria Europea a Valenciennes (Francia)
  • trasporto
    2 tras
    Un esempio di trasporto combinato
  • TAV
    3 tras
    Il completamento della TAV Torino-Lione è fondamentale per la rete di trasporto combinato europeo

Ciononostante, alcune barriere restano e impediscono di massimizzare il rendimento del trasporto combinato fra la ferrovia e gli altri modi. Per questo l’AFE ha deciso di lanciare il progetto “Facilitation of combined transport – FCT” con lo scopo di analizzare e proporre miglioramenti nel settore, in particolare per la corrispondenza ferrovia-strada.

Infrastrutture, investimenti, nuove tecnologie, regolamenti sono tra i settori che la task force lanciata dall’AFE nel Novembre 2017 ha studiato per identificare le priorità per migliorare l’integrazione fra ferro e strada in materia di trasporto combinato.

Fin dagli anni Novanta, la Commissione Europea ha iniziato a mettere in opera una serie di convenzioni fra Stati membri, embrione di una vera e propria politica europea del trasporto combinato, grazie anche al contributo di tutti gli esponenti del settore (industrie, imprese di trasporto, Amministrazioni Pubbliche).