Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

L’inaugurazione della linea Mendrisio-Varese

A 91 anni dall’ultima inaugurazione di una tratta transfrontaliera il completamento della Arcisate-Stabio consentirà collegamenti diretti tra il Canton Ticino e l’aeroporto di Malpensa

sfondo merzagora

Le tre nuove stazioni

Come si accennava, nella parte italiana del tracciato sono presenti le tre nuove stazioni di Induno Olona, Arcisate e Cantello Gaggiolo, progettate e realizzate secondo gli standard definiti dalle Specifiche Tecniche per l’Interoperabilità (STI) del sistema ferroviario UE, per garantire una migliore accessibilità ai treni, anche alle persone a ridotta mobilità e con disabilità.

La configurazione a ponte delle stazioni, accessibili da entrambi i lati, consente di creare un collegamento pedonale in corrispondenza dell’asse di stazione. Le stazioni sono tutte caratterizzate da sale d’attesa, un locale commerciale, servizi igienici, rampe di scale per raggiungere i binari dal piano stradale, percorsi tattili per persone ipovedenti, un ascensore per ogni banchina, marciapiedi lunghi 250 m e alti 55 cm per facilitare l’accesso ai treni e sistemi di informazione ai viaggiatori con monitor e annunci sonori.

Ogni stazione è inoltre dotata di un piazzale con parcheggi dedicati ai viaggiatori, e sono state previste aree di sosta per i bus e per le autovetture (kiss&ride), a favore dell’intermodalità.

Le caratteristiche tecniche

La linea è dedicata al servizio passeggeri, ha una velocità di tracciato di 100 km/ora, e una pendenza massima pari al 22‰. È alimentata a 3 kV in corrente continua fino al confine di Stato, dove avviene il cambio di tensione a 15 kV in corrente alternata, in uso sulla rete svizzera. Il distanziamento in sicurezza dei treni sarà gestito con il sistema di blocco conta-assi fino al Posto Movimento Bevera.

I Posti Movimento di Induno e Bevera sono coordinati da nuovi Apparati Centrali Elettrici a Itinerari (ACEI), gestiti dal Posto centrale di Milano Greco Pirelli. La protezione della marcia dei treni in territorio italiano è attuata con il Sistema Controllo Marcia Treno (SCMT), mentre in Svizzera con il sistema EuroSignum-EuroZUB. Il punto di connessione fra i due sistemi nazionali corrisponde al confine di Stato.

Le opere civili, di armamento e di trazione elettrica sono state completate dall’Impresa Salcef, mentre quelle tecnologiche dall’ATI CEIT Alstom. La Direzione Lavori è stata curata da Italferr, la Società di ingegneria del Gruppo FS Italiane.