Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Macchine, attrezzature e servizi in primo piano

Il tour europeo di Volvo CE, evento esclusivo partito dalla Svizzera che giungerà fino in Portogallo, annovera sette tappe in sette Paesi europei. La tappa italiana si è svolta a Verona il 27/28 Ottobre 2017 ed è stata un grande successo

sfondo volvo

Ad ospitare il “Volvo on tour 2017” è stata la cava Calcestruzzi Danese, situata a Verona, che ha accolto tantissimi Clienti che hanno potuto ammirare 15 macchine e cinque truck con tutte le più recenti novità della Volvo Construction Equipment dedicate ai progetti di sviluppo urbano e di sostenibilità delle città del futuro.

Le due giornate hanno visto protagonisti gli escavatori cingolati e gommati (tra cui l’EWR170E a corto raggio di rotazione), i compatti (come l’EC27D) e quelli di medie dimensioni da 2,5 a 20 t, le pale gommate nonché una vasta gamma di attrezzature tra cui il Tiltrotator Steelwrist; non sono ovviamente mancate le macchine dell’ampia gamma Volvo.

  • Escavatore
    1 volvo
    Con l’escavatore girosagoma ECR25D, attraverso un roller a comando manuale è possibile selezionare il cilindro del brandeggio
  • Brandeggio
    2 volvo
    Sul lato sinistro, il nuovo filtro trasparente brevettato da Volvo che raccoglie tutti i punti di drenaggio dell’olio idraulico
  • Girosagoma
    3 volvo
    Il nuovo ECR25D escavatore girosagoma da 2,5 t corsa all’interno del cilindro
  • 6 volvo
    L’ampia gamma di accessori si completa con una nuova generazione di martelli demolitori
    Movimento terra
  • Visibilità
    9 volvo
    La massima attenzione è stata posta alla visibilità dalla cabina di comando a tutti i punti attorno alla macchina
  • Tecnologia
    10 volvo
    L’efficiente motore Volvo Stage IV con tecnologia V-ACT sviluppa una coppia elevata a basse velocità del motore per diminuire i consumi di carburante
  • Flessibilità
    11 volvo
    Il Tiltrotator è idraulico e viene montato sugli escavatori da 3 a 35 t
  • Benna
    13 volvo
    Un sistema multifunzione in cui, oltre alla benna, nello stesso blocco possono essere applicate diverse attrezzature
  • Acciaio
    14 volvo
    Il Tiltrotator Steelwrist, un “polso d’acciaio”

L’escavatore girosagoma ECR25D

L’ECR25D, escavatore girosagoma da 2,5 t appena lanciato con migliorie e restyling, presenta diverse novità partendo dalla cabina di comando.

Abbiamo notato la mancanza di pedaliere all’accesso, elementi che normalmente servono ad attivare il martello demolitore e il brandeggio della macchina. Ora invece, attraverso un roller a comando manuale, è possibile selezionare il cilindro del brandeggio controllando in modo proporzionale la portata idraulica agli accessori che può essere preimpostata e fissata a un determinato valore, utile nelle operazioni ripetitive.

Per il movimento di trazione dei cingoli non ci sono quindi pedali ma pedipolatori. L’ECR25D è dotato di serie dell’Auto Kit Down che consente il blocco della macchina, quando ad esempio – in doppia velocità – la lama anteriore incontra notevole resistenza all’avanzamento in fase di spinta. Il numero di giri del motore si porta automaticamente al minimo e fornisce di nuovo la coppia per dar modo di riprendere le fasi interrotte del rinterro. Come opzione rimane l’autospegnimento del motore, elemento considerato per abbattere al massimo i consumi di carburante e l’inutile usura degli organi in movimento.

Anche il modello EC27D presenta tante novità: le innovative caratteristiche descritte per il fratello minore valgono altrettanto, con la differenza che l’ECR25D è un girosagoma che può lavorare più facilmente in spazi ridotti mentre l’EC27D è più convenzionale e consente maggiore forza di strappo con equilibri differenti.