Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Tutte le strade… intorno a Milano

La Lombardia negli ultimi anni ha visto la realizzazione di diverse infrastrutture - dalla Bre.Be.Mi., alla Pedemontana, alla TEEM, alla nuova Linea 5 della metropolitana - che rispondono sia alle esigenze di un territorio e di un tessuto produttivo sia all’esigenza di agevolare la viabilità intorno a Milano, per raggiungere Expo

Per quanto concerne invece TEEM, si tratta di un intervento completamente “Made in Italy”, realizzato seguendo i più elevati standard qualitativi da eccellenze nazionali nell’ambito della progettazione e della realizzazione di grandi opere.
Il tratto Arco TEEM si snoda per 7 km (si veda “S&A” n° 107) ed è stato ultimato in due anni dal Consorzio Costruttori TEEM con ricorso all’alta tecnologia in ogni fase della realizzazione e grazie al superamento dell’impegnativa “interferenza” rappresentata dalla presenza della linea ferroviaria Milano-Venezia.
Qui Holcim (Italia) ha contribuito ai getti di consolidamento con il calcestruzzo e con cemento II/B-LL 32,5 e II/A-LL 42,5 particolarmente indicati proprio per strutture resistenti per le loro caratteristiche e forniti anche per le operazioni di palificazione, consolidamento e il jet-grouting realizzate nel tratto Nord del tracciato autostradale. La fornitura si è effettivamente concentrata maggiormente su questo lotto (il lotto A), dove il tracciato di TEEM si sviluppa in trincea profonda (cioè al di sotto del piano campagna), sottopassando mediante gallerie artificiali l’Autostrada A4 Torino-Trieste, il Canale Villoresi, la Linea 2 della metropolitana e il Naviglio della Martesana. In corrispondenza della MM2, la galleria, di lunghezza pari a 100 m, è stata costruita attraverso la tecnica del “manufatto a spinta”.
La galleria è stata, insomma, “spinta” sotto i binari, sostenuti da uno speciale ponte in acciaio. Per questa galleria è stata fornito principalmente calcestruzzo in C40.

Qui e in buona parte del cantiere l’esigenza principale di evitare il rischio di fessurazione legato ai getti massivi è stata pienamente soddisfatta grazie anche alla grande esperienza di Holcim (Italia) nella formulazione del calcestruzzo a basso calore d’idratazione. Le competenze maturate nella realizzazione di questo tipo di prodotto hanno infatti consentito di realizzare un mix design con curva granulometrica adeguata non solo a ridurre i delta termici ma anche a contenere il rischio di sviluppo di fessurazioni.
Il risultato è stato un calcestruzzo C40,S4 di cui circa 60.000 m3 realizzati con cemento pozzolanico Holcim IV/A 32,5 R. Per il tratto Sud, lotto C, sono state fornite circa 50.000 t di aggregati per asfalto: pietrisco di diverse granulometrie, proveniente dalla nuova cava di Pioltello, inaugurata da Holcim (Italia) quest’anno. Si tratta di un impianto molto efficiente e nuovo anche dal punto di vista tecnologico, in grado di ottimizzare sia il consumo energetico sia il consumo di acqua. Qui l’escavazione avviene in falda mediante una draga a benna mordente e la gamma di prodotti trattati, sia naturali sia frantumati va dalla sabbia vagliata e frantumata, a pietrisco e ghiaietto di diverse granulometrie.
L’intera tratta di TEEM comprende 32 km di tracciato autostradale da Agrate Brianza a Melegnano raccordati con la A4, la A1 e, appunto, Bre.Be.Mi.; 38 km di arterie ordinarie realizzate ex novo, 30 km di percorsi ciclopedonali e nove Progetti Speciali Ambientali.