Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Intervento di riqualifica di una porzione di lastronato in calcestruzzo rapido

L’intervento di Calcestruzzi SpA al piazzale aeromobili dell’aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna

sfondo itelcementi

Il calcestruzzo consegnato è stato progettato dai laboratori di Innovazione di Italcementi e da Calcestruzzi utilizzando un particolare compound di materiali cementizi opportunamente miscelati e gradati, unitamente ad additivi specifici per l’applicazione dosati direttamente in impianto.

Le specifiche tecniche previste da Capitolato erano le seguenti:

  • classe di resistenza caratteristica a compressione: C45/55 (UNI EN 206:2016 e UNI 11104);
  • resistenza alla flessione su prisma: > 5,5 MPa (UNI EN 12390-5:2009);
  • classi di esposizione: XC4 – XD3 – XF4 (UNI EN 206:2016 e UNI 11104);
  • abbassamento al cono: 20±3 cm (UNI EN 12350-2:2009).

Per la scelta della classe di consistenza si è reso necessario tenere conto delle particolari condizioni di cantiere sopra descritte, per cui l’unica metodologia di getto possibile è risultata essere quella manuale con l’utilizzo di “staggia manuale” e “staggia vibrante” e la scelta di una classe di consistenza adeguata.

Per quanto concerne le resistenze a compressione e flessione, considerato il lasso di tempo disponibile, si è deciso di progettare la miscela affinché fossero sviluppate entro 36 ore dal getto le caratteristiche prestazionali minime, in termini di compressione e trazione per flessione del calcestruzzo, che permettessero il passaggio degli aeromobili.

Tuttavia, già dopo 24 ore il materiale aveva sviluppato una resistenza a compressione superiore a 50 MPa e una resistenza a trazione per flessione maggiore di 5,8 MPa: considerati i risultati ottenuti, la Direzione Lavori ha dichiarato il materiale conforme con 12 ore di anticipo, certificando così un ulteriore diminuzione dei tempi di maturazione già decisamente contenuti.

Dopo 72 ore dall’inizio lavori, la pavimentazione risultava di fatto già agibile per il traffico aeroportuale di progetto. Il materiale utilizzato nell’ambito della realizzazione sin qui descritta è parte di una famiglia di calcestruzzi altamente prestazionali progettati nei laboratori Italcementi, in grado di garantire la carrabilità della pavimentazione aeroportuale a seconda delle condizioni e richieste della committenza sino a 4 ore dopo la stesa.

Grazie alle conoscenze sviluppate dalla ricerca di soluzioni innovative e durante questo intervento, si è oggi in grado di consegnare ai Gestori aeroportuali un range di performance e di possibilità manutentive, in particolare su porzioni di lastronati in calcestruzzo (Apron/Apron Taxilane), fino a poco tempo fa non raggiungibili.