Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Conglomerati a freddo in economia

Una grande novità nel campo degli impianti mobili in grado di produrre calcestruzzi, misti cementati e malte: è l’impianto mobile A240 della Blend, utilizzato per la rigenerazione dell’asfalto a freddo e per la stabilizzazione dei terreni con calce o cemento, che garantisce l’assoluto rispetto della ricetta compositiva al pari di un impianto per la produzione di conglomerato a caldo

sfondo blend

L’A240 non ha bisogno di un operatore dedicato: una volta impostata la ricetta, mantiene costante in modo automatico la percentuale dei componenti; può quindi essere gestita a distanza, con facilità e in sicurezza, dall’operatore della pala caricatrice, grazie a sistemi di radiocomando, agli allarmi luminosi e acustici, ai programmi automatici di lavaggio e ingrassaggio.

Tramite sistema GPS e controllo remoto è possibile ottenere un rapporto giornaliero dello stato di consumo/produzione e una completa autodiagnosi dell’impianto”.

“S&A”: “Come funziona l’impianto A240 e cosa riesce a produrre?”.

“FT”: “Il funzionamento dell’A240 è studiato per assicurare un prodotto finito di qualità elevata e costante. Una volta impostata la ricetta, la macchina è in grado di mantenere stabili i parametri del prodotto con una precisione assoluta, valendosi di dosatori opportunamente progettati per garantire il rispetto della Normativa.

Ogni tipologia di inerte viene trasferita dai predosatori al nastro principale di carico al miscelatore a doppio asse orizzontale, tramite nastri estrattori a velocità variabile. I dosaggi degli inerti per peso; il dosaggio dei leganti idraulici viene monitorato tramite pesatura per decremento, con un sistema che garantisce affidabilità e precisione costante. Leganti bituminosi, acqua e additivi vengono invece misurati tramite contalitri e flussometri.

A240 costituisce una grande novità nel campo degli impianti mobili; è in grado di produrre calcestruzzi, misti cementati e malte, può essere utilizzata per la rigenerazione dell’asfalto a freddo, per la stabilizzazione dei terreni con calce e per l’inertizzazione di terreni inquinati, può essere facilmente trasportata ed è completamente autonoma dal punto di vista elettrico e idraulico. Tutto questo senza rinunciare a un’alta capacità produttiva e a una qualità del prodotto elevata e costante”.