Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il cantiere dalla “A” alla “Z”

Che Manitou sia ormai un vero Fornitore completo per il cantiere è cosa risaputa. Dalle mini pale gommate e cingolate Gehl e Mustang, fino ai sollevatori telescopici rotativi oltre i 30 m passando per i modelli frontali e stabilizzati, per le navicelle e per gli accessori originali. Chi oggi cerca soluzioni integrate fra loro, in Manitou le trova senza problemi

Il cantiere dalla “A” alla “Z”

L’MT1335 HA Easy si inserisce in modo molto intelligente nella sua specifica categoria in quanto è un telescopico compatto che arriva ad operare nella fascia dei 13 m. Largo soltanto 2,28 m, ha una portata massima di 3.500 kg, uno sbraccio massimo di 8,75 m per un’altezza massima di 12,55 m.

Si tratta oggi di una macchina estremamente interessante per un mercato come quello italiano, dove la compattezza è un elemento fondamentale sotto ogni punto di vista ma, al contempo, dove è necessario operare ad altezze importanti. Basti pensare a tutti i cantieri nei centri storici dove è spesso difficile accedere agli stessi spazi di lavoro o a tutti i cantieri di manutenzione stradale in cui è necessario avere buone altezze di lavoro con le navicelle ma ingombri ridotti al massimo per non costituire intralcio alla circolazione.

L’MT1335 HA Easy riesce infatti a operare in una sola corsia di marcia senza problemi. 

Per le infrastrutture

Un sollevatore fondamentale nella gamma Manitou è sicuramente il rotativo MRT2470 che, allo stato attuale, si colloca in una posizione di mercato unica: è infatti l’unico rotativo da 24 m con portata da 7 t.

Una macchina che può risultare fondamentale per il pesante lavoro nei cantieri di infrastrutture stradali come ponti, gallerie e manufatti di ogni genere. L’esigenza di questi cantieri, infatti, non è tanto legata all’altezza massima di lavoro, quanto alla compattezza unita alla elevata portata utile.

Questo perché nel lavoro in galleria, ad esempio, raramente si superano i 12-14 m di altezza ma, in compenso, occorre spostare carichi pesanti, avere navicelle in cui possano lavorare più persone contemporaneamente, utilizzare sbracci interessanti con carichi residui significativi. I numeri di base dell’MRT2470 vanno proprio in questa direzione.

Si tratta infatti di una macchina da 21.850 kg di peso operativo, ha una capacità di carico di 7.000 kg, un’altezza di sollevamento di 24,8 m e uno sbraccio massimo di 20,5 m.

La motorizzazione è Mercedes e sviluppa 176 CV che forniscono la potenza necessaria per l’idraulica che può contare su 180 l/min. La trasmissione ovviamente è idrostatica il che consente, soprattutto nei cantieri più complessi, di avere il massimo controllo dei movimenti in ogni situazione.