Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Grandi opere e sicurezza Atex dal colore “green”

In zone a rischio esplosione, la collaborazione fra il Gruppo Webuild, global player con radici italiane specializzato nella realizzazione di infrastrutture complesse e opere innovative per la mobilità sostenibile e green buildings, e il Gruppo Miretti, Azienda italiana con sedi in tutto il mondo specializzata nelle trasformazioni antideflagranti e nei sistemi di abbattimento fumi

  Atex – For English version: https://www.stradeeautostrade.it/en/machines-equipments-work-sites/major-works-and-atex-safety-green-eco-friendly/

Antideflagrante e abbattimento fumi nelle opere strategiche dello stato: come e perché

È noto a tutti il dibattito sulla necessità di ridurre il gap infrastrutturale del nostro Paese con interventi determinanti e, in alcuni casi, attesi da tempo. I Grandi Cantieri sono progetti strategici, al servizio della collettività e possono contribuire allo sviluppo economico e occupazionale italiano grazie anche alla filiera di imprese coinvolte.

Un’expertise, questa, che viene considerata tra le migliori nel mondo, nonostante la crisi pandemica in corso, e che rappresenta certamente la spina dorsale del Sistema Italia e il volano per una solida crescita futura.

Webuild grazie a Progetto Italia, l’operazione di consolidamento delle infrastrutture nel Paese, la catena delle 7.000 Imprese che collaborano in Italia con Webuild ha oggi l’opportunità di crescere e diventare sempre più competitiva nel Paese e all’estero con la realizzazione di opere iconiche, come il megaprogetto della linea ad alta velocità in Texas per cui il Gruppo ha recentemente firmato un contratto da 16 miliardi di Dollari.

La realizzazione dei Grandi Cantieri implica il dover operare in aree pericolose. La costruzione di tunnel o di gallerie comporta, infatti, importanti e colossali lavori di scavo del sottosuolo.

Operando con macchine per la movimentazione di grandi dimensioni in aree sotterranee o prossemiche a tunnel c’è il rischio reale di incorrere in sacche di polveri e di gas, come il più noto grisou, che possono generare pericolose esplosioni con gravi danni per gli operai, il cantiere stesso e per l’habitat naturale circostante.

Webuild
1. Macchinario trasformato Atex da Miretti in attività presso i cantieri del Terzo Valico, opera realizzata da Webuild

In questi contesti, la sfida è quella di evitare situazioni potenzialmente di rischio mettendo in campo tutte le soluzioni e gli accorgimenti atti a rendere sicure le macchine e i dispositivi in uso secondo le sempre più stringenti Normative in vigore.

Questo è il campo in cui opera Miretti (https://miretti.com/it/prodotti/veicoli-antideflagranti-per-miniere-e-gallerie/): trasformare in assetto antideflagrante, a prova di esplosione, gli equipaggiamenti che operano in aree classificate a rischio.

Il mondo antideflagrante è, infatti, un settore estremamente specifico e caratterizzato da continui aggiornamenti sulle Norme, sui metodi e le modalità di protezione a cui i Produttori, Costruttori e gli utilizzatori finali devono obbligatoriamente adeguarsi (in Europa, la Direttiva più nota è Atex 2014/34/UE).

Per quanto concerne la sicurezza, negli anni Ottanta del secolo scorso il Gruppo Miretti si assunse il ruolo coraggioso di apripista grazie soprattutto alla lungimiranza del Fondatore, Pier Carlo Miretti, uomo d’Azienda con una moderna visione del “fare Impresa”.

In quegli anni, la letteratura in tema Atex era pressoché inesistente; le Norme erano esigue e poco chiare ed era scarsamente regolamentata anche la gestione del lavoro in zone a rischio esplosione all’interno di gallerie. Proprio per fare chiarezza, Miretti prestò il proprio know-how tecnico al servizio dei numerosi tavoli di studio istituzionali.

Atex
2. Macchinario trasformato Atex da Miretti in attività presso i cantieri del Terzo Valico, opera realizzata da Webuild

Negli stessi anni, l’Azienda iniziò a fornire i primi sistemi antideflagranti e i dispositivi catalitici per i mezzi operanti nel sottosuolo avviando la collaborazione con note Aziende impegnate nelle grandi opere. Ne scaturì un imponente lavoro, sia sul piano dello sviluppo tecnologico che sul piano delle definizioni normative, che permise di porre le basi per la successiva evoluzione.

La sicurezza degli operatori e l’attenzione all’ambiente costituiscono, quindi, il duplice obiettivo comune a tutti gli attori coinvolti in questi progetti articolati. Anche per questo motivo, i player della Grandi Opere ricercano competenza, esperienza ed affidabilità tecnica.

Ogni intervento, infatti, necessita di conoscenza delle più recenti Normative, di esperienza nel settore movimentazione/underground e di una specifica padronanza ingegneristica. Sempre più spesso si richiede che questi sistemi di Protezione Atex e di Abbattimento Fumi siano progettati e forniti in modalità “100% custom” quindi specificatamente realizzati secondo le caratteristiche della singola macchina mantenendo ergonomia e prestazioni il più possibile identiche a quelle originali. 

Webuild e Miretti, la collaborazione tra due brand italiani con una forte visione internazionale

In questo scenario rientra la collaborazione tra il Gruppo Miretti e il Gruppo Webuild da sempre attento alla sostenibilità e impegnato nella realizzazione di grandi opere infrastrutturali, fra cui ricordiamo il ponte Genova San Giorgio, costruito in tempi record e diventato il simbolo della “ricostruzione possibile”, e il progetto – tuttora in corso – del Terzo Valico, opera realizzata dal General Contractor guidato da Webuild.

L’opera, parte del Progetto Unico con l’annessione del Nodo di Genova, coinvolge una filiera italiana altamente specializzata e che dà lavoro, nel complesso, a circa 5.000 persone. Con il Terzo Valico, Genova diventerà un nuovo hub internazionale, collegandola all’Europa e a Milano con un modello di linea metro interurbana e rappresenta un ulteriore passo avanti nella direzione della mobilità sostenibile in Italia.

Atex
3. Macchina convertita Atex da Miretti in attività presso i cantieri Webuild

Una collaborazione che implica una forte responsabilità poiché anche con tali forniture si contribuisce al mantenimento della sicurezza, del rispetto ambientale e della continuità operativa di queste importanti Opere.

Webuild, dopo aver completato molte linee ferroviarie ad alta velocità, da Roma a Milano e da Milano a Torino, attualmente sta realizzando 18 progetti infrastrutturali innovativi anche dal punto di vista ambientale con l’obiettivo di ridurre le emissioni durante la costruzione e consegnare al futuro opere che portino a una mobilità sempre più sostenibile.

Nei progetti attualmente in corso, più di 70 macchine movimento terra sono state interessate dalle trasformazioni antideflagrante Miretti e altre sono in programma per il futuro.

Sulla maggior parte di queste macchine sono stati allestiti anche innovativi kit per l’abbattimento delle emissioni nocive che permettono di ridurre i consumi di combustibile, segno di una particolare sensibilità verso il cambiamento climatico.

I mezzi interessati dalle lavorazioni Miretti sono i classici mezzi d’opera, betoniere, pompe calcestruzzo, pale gommate ed escavatori di qualsiasi portata fino ad arrivare a macchinari più specifici e complessi per gli scavi tradizionali o meccanizzati quali posizionatori, perforatrici e frese con dimensioni oltre i 15 m di diametro. A queste si aggiungono le macchine di emergenza per il servizio di evacuazione.

I sistemi Atex installati hanno come primo obiettivo la protezione quotidiana dei tanti operatori impiegati in queste opere. I mezzi convertiti possono, quindi, operare in sicurezza rispetto a possibili rischi quali, per esempio, alte temperature dei motori, gas di scarico particolarmente caldi, dispositivi scintillanti.

Atex
4. Macchine movimento terra in fase di trasformazione antideflagrante Atex nello stabilimento Miretti

In aggiunta i kit anti-inquinamento permettono di riqualificare le macchine off-road mediante un “green upgrade” in termini di riduzione di emissioni e di consumi di combustibile. Migliorando la combustione dei motori si riducono anche i relativi costi di manutenzione.

Convertire in assetto antideflagrante numeri così rilevanti di grandi macchine, dotandole al contempo di kit ecologici, nel rispetto delle tempistiche tecniche proprie di opere di tale importanza, comporta un rischio prodotto elevato.

Pertanto, occorre quella solidità che, sul piano pratico, nell’iter procedurale Miretti si traduce in strutture operative, spazi produttivi, controlli qualitativi e dimensioni d’investimento adeguati a gestire al meglio tali progetti non solo in Italia ma in tutto il mondo. I Dipartimenti R&S, Certificazione e l’Ufficio Tecnico, interni al Gruppo, assicurano la gestione completa del progetto.

L’expertise non si esaurisce con la conversione antideflagrante o con la fornitura del kit ecologico. Si articola in un servizio di qualità ad ampio raggio, tempestivo e multi-tasking che permette di garantire, in accordo con il cliente, un supporto continuativo, anche in cantiere, per tutto il ciclo di vita dell’attrezzatura, ovunque nel mondo.

  For English version: https://www.stradeeautostrade.it/en/machines-equipments-work-sites/major-works-and-atex-safety-green-eco-friendly/

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <