Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Fresatura e stabilizzazione anche nelle condizioni più gravose

Il partner giusto anche nelle applicazioni più specifiche: la collaborazione tra FAE Group e Kulstad Maskin AS (Norvegia)

Anche la Società Kulstad Maskin AS di Vuku (Norvegia), specializzata nella manutenzione stradale e guidata da Morten Kulstad, ha scelto di affidarsi a FAE ed alla sua tecnologia.

Immagini

  • La testata MTH, il grader ed il rullo compattatore
    article_4499-img_1589
    La testata MTH, il grader ed il rullo compattatore
  • L’MTH permette di frantumare sassi, fresare lastre di roccia e asfalto e stabilizzare il terreno anche in presenza di sassi
    article_4499-img_1590
    L’MTH permette di frantumare sassi, fresare lastre di roccia e asfalto e stabilizzare il terreno anche in presenza di sassi
  • La fase di fresatura dello strato di asfalto
    article_4499-img_1591
    La fase di fresatura dello strato di asfalto
  • La fase di fresatura dello strato di asfalto
    article_4499-img_1592
    La fase di fresatura dello strato di asfalto
  • L’aggiunta di lignina in soluzione
    article_4499-img_1593
    L’aggiunta di lignina in soluzione
  • La stabilizzazione in profondità
    article_4499-img_1594
    La stabilizzazione in profondità
  • La movimentazione da un cantiere all’altro è agevole e rapida
    article_4499-img_1595
    La movimentazione da un cantiere all’altro è agevole e rapida

Le rigide condizioni climatiche invernali norvegesi causano importanti danni al manto stradale. Il congelamento del terreno può infatti arrivare fino a 2 m di profondità. Diventa quindi fondamentale che l’operazione di stabilizzazione venga eseguita in maniera professionale, così da creare uno spesso e solido strato compatto a sostegno del manto bituminoso.

Gli stessi agenti leganti comunemente utilizzati negli altri Paesi, come per esempio calce e cemento nel Sud Europa, non sono idonei per questa speciale applicazione. Per stabilizzare, infatti, in Norvegia vengono solitamente utilizzate due differenti tecniche. La prima è aggiungere ghiaia o sassi con specifiche dimensioni e miscelarli con lo strato superiore della strada. La seconda prevede l’impiego di lignina, un agente legante di origine vegetale completamente “eco-friendly”.

La lignina costituisce la “sostanza legante” degli alberi, da cui viene estratta tramite trattamento termico. Viene poi commercializzata sia come polvere sia in soluzione acquosa al 50% di sostanza secca e peso specifico di 1,25 t/m3. In forma di soluzione, la lignina è influenzata dalla temperatura ambiente: si presenta come acqua sporca a temperature elevate mentre con il freddo si rapprende.

In forma disciolta offre però importanti vantaggi. Presenta infatti proprietà applicative e di utilizzo simili al bitume, assorbendo gran parte delle azioni flessionali indotte dai carichi nelle corsie di transito dei mezzi pesanti, e permette di tenere la polvere lontano dalle strade sterrate.

L’utilizzo di lignina rappresenta la soluzione ideale per la stabilizzazione in profondità in Norvegia.

Dopo il processo di indurimento, la lignina mantiene, infatti, una certa elasticità: non diventa dura come il cemento. Questo permette di aumentare drasticamente la capacità di carico della strada ed è indispensabile per fronteggiare la formazione di ghiaccio nel corpo stradale durante la stagione invernale.

Rispetto al metodo tradizionale della “geogriglia” o al riempimento con ghiaia, il materiale derivante dalla precedente pavimentazione viene amalgamato perfettamente con il nuovo, così che l’altezza e la larghezza finale della strada non saranno tanto diverse da quello precedente.

Anche la necessità di dover occasionalmente frantumare sassi di granito, ha indirizzato la Società norvegese Kulstad Maskin AS a scegliere la MTH di FAE, una macchina Heavy Duty con caratteristiche di elevata robustezza ed affidabilità. La camera di triturazione, infatti, è internamente protetta da rivestimenti in hardox, facilmente sostituibili senza dover smontare il rotore. Quest’ultimo è equipaggiato con utensili dotati di inserti in carburo di tungsteno con elevatissime caratteristiche di durezza per un’usura estremamente contenuta ed una durata senza pari.

La testata MTH rappresenta l’eccellenza della gamma dei prodotti FAE in termini di tecnologia e produttività ed è realizzata per essere utilizzata con trattori fino a 400 CV per fresare lastre di roccia, frantumare sassi, fresare asfalto e stabilizzare il terreno, con una profondità massima di lavoro fino a 50 cm. La Società Kulstad Maskin AS ha utilizzato principalmente la MTH nella sua funzione di fresa asfalto e di stabilizzatrice in presenza di sassi.

I lavori sono proceduti costantemente ad una velocità operativa di circa 500/600 m/ora. Un dato così importante e difficilmente eguagliabile è stato reso possibile grazie alla combinazione della profondità di lavorazione alla quale la macchina è stata impostata e alla camera di triturazione a geometria variabile della MTH. Quest’ultima soluzione progettuale innovativa garantisce i migliori risultati di triturazione.

Grazie al rotore mobile, regolabile idraulicamente dalla cabina del trattore, il volume della camera di triturazione in cui viene mescolato il terreno aumenta in funzione della profondità a cui si lavora. Penetrando nel terreno solo con il rotore, gli sforzi di trazione sono più contenuti e i consumi di carburante sono ridotti, consentendo un incremento della velocità operativa e quindi un consistente risparmio di tempo.

La controlama in hardox e la griglia regolabile sul cofano posteriore hanno inoltre permesso una granulometria del materiale in uscita inferiore ai 35 mm. Il processo di stabilizzazione con lignina, in soluzione al 50% di sostanza secca, prevede tre passaggi:

  • aggiunta di soluzione con dosaggio 4,5 l/m2 e miscelazione fino a 10 cm di profondità;
  • aggiunta di soluzione con dosaggio 4,5 l/m2, miscelazione fino a 20 cm di profondità e compattazione con rullo;
  • distribuzione di soluzione con dosaggio 1 l/m2 in modo da creare uno strato superficiale.

Dopo la fase di indurimento, si può procedere con la posa del nuovo asfalto.

La testata MTH Multi Task Heavy di FAE permette a Morten Kulstad di ottenere ottimi risultati finali, di lavorare con agilità su superfici limitate, rifinire angoli e porzioni difficilmente raggiungibili dalle macchine semoventi nonché una movimentazione agevole e rapida da un cantiere all’altro.

FAE Group

FAE Group, leader nella progettazione e costruzione di macchine professionali di elevata qualità per i settori Construction e Land Clearing, festeggia quest’anno il 25° anno di attività.

Con orgoglio e soddisfazione, l’Azienda può guardare ai risultati raggiunti dal 1989 ad oggi: 25 anni di costante innovazione tecnologica, qualità e affidabilità del prodotto, servizio al cliente. FAE Group ha dimostrato di essere il partner ideale per i Professionisti che devono frantumare sassi, fresare lastre di roccia e asfalto, stabilizzare il suolo anche a profondità elevate e bonificare terreni forestali, triturare residui vegetali, ecc..

L’affidabilità della tecnologia FAE, la qualità dei componenti e dei materiali utilizzati e la cura dei dettagli delle sue macchine sono garanzia di estrema robustezza, bassi costi di manutenzione, elevate prestazioni ed efficienza nel tempo, peculiarità riconosciute dai professionisti di tutto il mondo.