Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Una nuova frontiera per l’impiego di riciclati nei conglomerati bituminosi

Da Pavenco, uno studio sperimentale per l’impiego di sabbie riciclate End of Waste (EoW) della famiglia Sand Matrix® nei conglomerati bituminosi

Una nuova frontiera per l’impiego di riciclati nei conglomerati bituminosi

Lo studio sperimentale

La sperimentazione qui presentata ha come oggetto l’impiego di sabbie Sand Matrix® 0/4 mm e 2/4 mm in miscele di conglomerato bituminoso per strato di usura con bitume non modificato della classe pen 50/70.

Dopo una prima caratterizzazione chimico-fisica del prodotto, la fase sperimentale ha previsto il proporzionamento degli elementi compositivi aggregati e bitume in modo da costituire miscele bituminose conformi ai requisiti del Capitolato tecnico di ANAS SpA, la produzione delle miscele e infine le prove eseguite secondo le normali pratiche tecniche e in conformità alle Normative vigenti.

Lo studio condotto è di tipo comparativo e quindi è stata prodotta in laboratorio una miscela definita “convenzionale” con soli aggregati di origine naturale (cave di prestito) e una miscela “non convenzionale” con la sostituzione, nella misura del 10% in peso, delle sabbie naturali con sabbie Sand Matrix®.

Per essere confrontabili, le curve granulometriche delle due miscele sono state opportunamente ricomposte risultando pressoché uguali in modo da non modificare la percentuale ottima di bitume.

Successivamente alla miscelazione in laboratorio, è stato eseguito lo studio di addensamento mediante procedimento volumetrico con pressa giratoria, volto a valutare la lavorabilità del materiale e i vuoti ottenibili dal conglomerato una volta in posa.

Gli impasti prodotti in laboratorio con il 10% di Sand Matrix® sono risultati perfettamente miscelabili e non hanno manifestato diversità rispetto alla miscela naturale di riferimento.

Le condizioni standard di compattazione hanno permesso di apprezzare l’ottima attitudine all’addensamento e alla lavorabilità grazie al raggiungimento dei valori dei vuoti minimi di accettabilità.