Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Una nuova frontiera per l’impiego di riciclati nei conglomerati bituminosi

Da Pavenco, uno studio sperimentale per l’impiego di sabbie riciclate End of Waste (EoW) della famiglia Sand Matrix® nei conglomerati bituminosi

sfondo ok pavenco

La tecnica di produzione dei conglomerati bituminosi a caldo e a freddo ha subito negli ultimi anni notevoli sviluppi, non tanto dal punto di vista delle prestazioni quanto soprattutto per l’impiego di materiali derivanti da processi di recupero o riciclo.

Già nel 2006, le Norme di marcatura CE della serie 13108 sancivano formalmente la possibilità di impiego di conglomerato bituminoso di recupero (più noto come “fresato”) in quantità libere purché accompagnate da opportune evidenze di laboratorio tali da garantire la qualità del prodotto finale.

  • conglomerati bituminosi
    1 pavenco
    Uno studio sperimentale per l’impiego di sabbie riciclate End of Waste (EoW) della famiglia Sand Matrix® nei conglomerati bituminosi
  • Pavenco
    2 pavenco
    Il processo di lavorazione presso l’impianto di Lomello
  • Sand Matrix
    3 pavenco
    La fase di scarico degli RSU presso l’impianto di Lomello
  • composizione
    4A pavenco
    Sand Matrix® 2-4 m
  • Miscela
    4B pavenco
    Sand Matrix® 0-4 m
  • addensamento
    5 pavenco
    La composizione chimica del Sand Matrix®
  • EPD
    6 pavenco
    Il marchio EPD dei prodotti della famiglia Matrix
  • 7 pavenco
  • usura
    8A pavenco
    Miscela 1: usura convenzionale con Sand Matrix®
  • curva granulometrica
    8B pavenco
    Miscela 2: usura convenzionale senza Sand Matrix®
  • laboratorio
    9 pavenco
    La curva granulometrica dell’usura con Sand Matrix®
  • Riciclo
    10 pavenco
    La curva di addensamento
  • frontiera
    12 pavenco
    La prova di trazione indiretta in laboratorio

A seguito del recepimento delle Normative europee da parte dell’Organismo UNI, le specifiche tecniche di alcuni dei principali Enti Gestori di strade si sono lentamente adattate aprendo la possibilità di impiego nelle miscele bituminose non solo dei fresati ma anche di altri materiali di origine cosiddetta “non convenzionale” provenienti per lo più da processi di recupero.

Già numerose sono le applicazioni di conglomerati bituminosi prodotti con alte percentuali di materia recuperata o riciclata: tuttavia, la maggior parte delle Stazioni Appaltanti ancora mantiene scetticismo e riserbo rispetto all’uso di tali materiali per la costruzione delle pavimentazioni stradali, anche a dispetto di quanto proposto dalla Commissione Europea nelle Comunicazioni su Consumo e Produzione Sostenibile (COM (2008) 397) e sul GPP (COM (2008) 400), che è diventato parte integrante del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della Pubblica Amministrazione (PAN GPP).