Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

La riattivazione del traffico

Il VR22, riattivante del bitume ossidato nato sotto il marchio Viatek dalla Edilpavimentazioni Srl

Le fasi di lavoro

Il VR22 viene spruzzato a terra in una quantità predefinita. L’Impresa che esegue il lavoro potrà quindi effettuare una fresatura della zona in cui è stato steso il riattivante. La fresatura potrà essere eseguita con una macchina fresatrice o anche con uno skid loader dotato di fresa. Il materiale fresato non sarà quindi spostato dalla sua posizione ma sarà solo sistemato con un rastrello. Non resterà che passare alcune volte con un rullo per la compattazione e quindi riaprire la strada.

Questa soluzione, inizialmente testata ed eseguita in via sperimentale solo da Edilpavimentazioni, sta prendendo piede: alcune Imprese stradali che si trovano a dover eseguire delle manutenzioni stradali con budget limitati oltre a utilizzare in primis questo prodotto lo stanno proponendo alle Pubbliche Amministrazioni. Le dimostrazioni sono di grande effetto proprio per la particolarità di esecuzione del lavoro. Fa breccia, oltre al lato economico, anche il lato ambientale: si potrebbe infatti definire una manutenzione a chilometro zero.

Il risultato delle analisi di laboratorio dei percolati dell’asfalto una volta riattivato è lo stesso di un comune asfalto. Come detto, il VR22 può anche essere mescolato con fresato e dare vita a un asfalto a freddo dalle ottime caratteristiche prestazionali. L’unica prescrizione è che il materiale prodotto deve essere utilizzato entro due/cinque giorni dalla sua produzione. I vantaggi dell’uso di tale conglomerato sono:

  • ottenimento di un materiale con il 100% di fresato;
  • produzione del conglomerato anche alle basse temperature;
  • stesura anche alle basse temperature;
  • stesa effettuabile anche in presenza di acqua;
  • stesa ai bassi spessori su vecchi asfalti senza bisogno di mano d’attacco;
  • possibilità di usare il prodotto fino a cinque giorni dopo la produzione;
  • bassi costi del conglomerato ottenuto;
  • estrema facilità di lavorazione del composto;
  • una volta steso non si attacca agli pneumatici delle macchine;
  • il risultato della manutenzione effettuata sarà duraturo.