Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Innovazione tecnologica per pavimentazioni stradali prestazionali

Una sintesi della relazione della Società Iterchimica presentata in occasione del Concorso “Le strade del futuro” organizzato da AIPCR. La ricerca per lo sviluppo di soluzioni innovative per ottenere pavimentazioni stradali prestazionali

sfondo iter

Il processo di transizione verso la totale Green Economy prevede anche di:

  • rinnovare il sistema, rilanciando le energie rinnovabili e l’efficienza energetica;
  • attivare un dedicato piano nazionale per la rigenerazione urbana;
  • promuovere l’elevata qualità ecologica quale fattore decisivo;
  • tutelare e valorizzare il capitale naturale e i servizi eco-sistemici;
  • adottare l’Economia Circolare come modello di riferimento.

L’Economia Circolare (Circular Economy) rappresenta il massimo tentativo di concepire un legame tra le attività economiche e la sostenibilità ambientale, gestendo e salvaguardando le risorse ed evitando ogni tipo di spreco.

L’Economia Circolare prevede la ripetizione perpetua del ciclo “produzione – distribuzione – consumo – riuso/riparazione/riciclo” e i quantitativi destinati a discarica sono praticamente nulli. Nella forma più semplificata, essa presume il bilanciamento tra lo sviluppo economico e la salvaguardia delle risorse naturali non rinnovabili.

Se da un lato Italia e Paesi Bassi risultano essere gli Stati che in generale riciclano le maggiori percentuali di materiali (reciprocamente il 18,5% e il 26,7% rispetto alla media europea di circa il 12%), dal punto di vista del riciclaggio di conglomerati bituminosi derivanti dalla demolizione di vecchie pavimentazioni, gli italiani sono tra gli ultimi della lista: solo il 20% di riciclaggio su 9.000.000 di t disponibili, rispetto a Paesi Bassi, Germania e Francia che recuperano almeno il 70%. 

Il progetto di ricerca

In funzione degli obiettivi legati alle pavimentazioni ecosostenibili si sta sviluppando una ricerca che comprende tre differenti fronti:

  • Attivanti Chimici Funzionali (ACF) che consentono il riciclaggio di elevatissime percentuali di fresato, sino al 100% per miscele prodotte a caldo (HMA);
  • compound polimerici contenenti polverino di gomma da PFU per ridurre le emissioni acustiche da rotolamento, garantendo al contempo elevata aderenza pneumatico-pavimentazione, a elevate prestazioni meccaniche;
  • compound polimerici per massimizzare le prestazioni fisico-meccaniche delle pavimentazioni bituminose.