Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Innovazione tecnologica per pavimentazioni stradali prestazionali

Una sintesi della relazione della Società Iterchimica presentata in occasione del Concorso “Le strade del futuro” organizzato da AIPCR. La ricerca per lo sviluppo di soluzioni innovative per ottenere pavimentazioni stradali prestazionali

sfondo iter

Conclusioni

Con riferimento ai conglomerati bituminosi, gli obiettivi internazionali connessi alla Green Economy, al riciclaggio, alle pavimentazioni perpetue e all’ecosostenibilità non possono prescindere dall’utilizzo di soluzioni tecnologiche innovative.

Studiati in funzione dell’ecosostenibilità e connessi al riciclaggio di fresato (anche sino al 100% a caldo o a freddo), all’aumento della vita utile e alla riduzione della manutenzione, gli additivi in oggetto sono stati verificati all’interno di ricerche sviluppate con Partner e Università riconosciuti in campo internazionale.

I risultati ottenuti hanno dimostrato che:

  • la realizzazione di miscele bituminose contenenti elevate percentuali di RAP, se opportunamente additivate con attivanti chimici funzionali e non con oli flussanti, presentano prestazioni paragonabili a miscele bituminose con soli materiali di primo utilizzo. Infatti, oltre a fornire adeguata lavorabilità, gli ACF apportano sostanze chimiche simili ai malteni (evaporati nel corso dell’utilizzo precedente del bitume), generando un vero e proprio ringiovanimento del bitume invecchiato;
  • i metodi di modifica Dry comportano un miglioramento delle prestazioni delle pavimentazioni, sia alle alte sia alle basse temperature ambientali, se prevedono l’utilizzo di prodotti appositamente sviluppati. L’aumento delle prestazioni concerne la rigidezza e la resistenza alla trazione all’ormaiamento e alla fatica. Tali migliorie permettono di realizzare pavimentazioni a elevate caratteristiche meccaniche, aumentandone sostanzialmente la vita utile;
  • l’uso di grafene all’interno di compound polimerici (tecnologia brevettata) consente di ottenere caratteristiche meccaniche sostanzialmente incrementate rispetto a tutte le tecnologie produttive sino ad oggi utilizzate.

Come da programma sperimentale, attualmente e comunque entro fine anno, si sono realizzati e si stanno tuttora realizzando campi prove anche in ambito internazionale, sottoponendo tutte le miscele studiate a traffico veicolare a conferma di quanto verificato in laboratorio.