Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il Top Tower 3000 P: davvero top con la certificazione 4.0

Linee guida alla base dello sviluppo della nuova gamma completa di impianti di nuova generazione

sfondo marini

Gli impianti di produzione devono essere adatti alle diverse esigenze di riciclaggio e alle moderne formule a basso impatto energetico e, al contempo, integrare le più recenti soluzioni tecniche per produrre conglomerato bituminoso al minor costo.

La Stampa tecnica specializzata è stata invitata dalla Società Marini SpA di Alfonsine (RA) e dal Cliente Favini Costruzioni Srl a vedere il nuovo impianto Top Tower 3000 P per la produzione di asfalto dotato delle più alte tecnologie attualmente disponibili.

Lo abbiamo particolarmente apprezzato e, con attenzione, colto aspetti e dettagli che dimostrano la grande cura per ogni soluzione adottata. La Società Marini ha avuto la certificazione 4.0 prevista nella Legge di Bilancio 2017 per incentivare gli investimenti privati in tecnologie con il Piano Industria 4.0 che ha stabilito un iper-ammortamento del 250% per gli investimenti.

  • Top Tower
    2 marini
    Il layout dell’impianto studiato con i percorsi e la logistica per la movimentazione del materiale
  • Impianto
    1 marini
    In cima alla torre calda del filler
  • Stoccaggio
    3 marini
    L’area di stoccaggio degli aggregati vergini nelle sei tramogge. Sul lato destro le tre tramogge del fresato e i capannoni degli inerti
  • Aggregato
    4 marini
    Il frantoio mobile per la selezione e la vagliatura del RAP
  • Vagliatura
    5 marini
    Lo stoccaggio del materiale fresato e selezionato
  • Fresato
    6 marini
    Il tamburo rotante essiccatore, lungo 10 m e del diametro di 2,5 m
  • Essiccatore
    7 marini
    Il quadro sinottico come appare sul monitor in cabina di comando
  • Filler
    8 marini
    Lo schema di processo del Top Tower 3000 P Marini
  • Certificazione
    9 marini
    Vista dell’intero impianto
  • Legge di Bilancio
    10 marini
    Il team che ha guidato la visita all’impianto. Da sinistra: Delia Forte, Addetta Comunicazione di Marini SpA, Giuseppe Callà, operatore di Favini Srl, Marzio Ferrini, Responsabile Marketing di Marini SpA, Bledi Beqari, operatore di Favini Srl, Gian Paola Pezzi, Responsabile Comunicazione di Marini SpA, Andrea Plantulli, Direttore Commerciale Italia di Marini SpA, e Marino Gregori, Legale Rappresentante di Favini Srl
  • Bitume
    11 marini
    Lo stoccaggio dei bitumi in tre serbatoi verticali di 80 m3
  • Tecnologia
    12 marini
    Il filtro brevettato per la captazione e l’abbattimento dei gas oleosi
  • Asfalto
    13 marini
    Il portale di scarico dell’asfalto pronto e le bocche di aspirazione
  • Materiale stradale
    14 marini
    Una suggestiva vista notturna del Top Tower 3000 P Marini

L’obiettivo è quello di supportare e incentivare le Imprese che investono in beni strumentali nuovi e in beni materiali e immateriali (software e sistemi IT) funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.

L’impianto Top Tower 3000 P recentemente collaudato e pronto per entrare in produzione, non solo è concepito per un utilizzo intensivo di materiale stradale fresato ma è anche estremamente performante.