Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Anche per le buche esiste un rimedio

L’utilizzo di un legante di origine vegetale, prodotto e commercializzato da Iterchimica: è l’additivo Iterlene ACF 1000 HP Green e rende possibile l’utilizzo del 100% di materiale fresato per qualunque intervento di manutenzione

sfondo iterchimica

Di conseguenza, la causa della formazione di buche è da ricercare sia nei cedimenti degli strati non legati, sia nell’errata progettazione e realizzazione del pacchetto stradale, come ad esempio spessori insufficienti, un ridotto ancoraggio degli strati bituminosi, lo scarso tenore di bitume o una compattazione inadeguata dopo la stesa. Ponendo l’attenzione sulle caratteristiche dei conglomerati bituminosi, le buche sono l’evoluzione di altri dissesti quali fessurazioni e/o sgranamenti.

Le fessure presenti in una pavimentazione bituminosa costituiscono una via preferenziale per l’acqua che, raggiungendo gli strati non legati, determina diversi effetti negativi, tra cui l’imbibizione, sino alla saturazione degli strati profondi. Oltretutto, tali infiltrazioni generano tensioni dovute ai cicli di gelo/disgelo che causano una diminuzione delle prestazioni e della capacità portante, aggravando l’ammaloramento e il dilavamento delle parti fini con conseguente formazione di alveoli che a loro volta incrementano la possibilità di cedimenti.

Un’ulteriore causa della formazione di buche in una pavimentazione in conglomerato bituminoso è la mancanza di adesione tra bitume e aggregato che dà origine a sgranamenti superficiali. In questo caso, l’acqua, interponendosi tra l’aggregato e la pellicola di bitume, svolge un’azione disgregante generando il totale distaccamento del legante e lo sgranamento della superficie stradale.

Le zone ammalorate rappresentano la parte debole dell’intera pavimentazione, da cui il processo deteriorativo si innesca coinvolgendo sempre più sia le aree adiacenti sia gli strati più profondi; è quindi fondamentale intervenire tempestivamente con riparazioni adeguate, prima che sia necessario sostituire tutto il manto stradale sino in profondità. In una strada ben fatta e soggetta a manutenzione preventiva, le buche non dovrebbero formarsi.

Ma se si formano, come si devono chiudere? Fino a qualche anno fa, le Norme tecniche delle varie Amministrazioni non indicavano particolari requisiti o procedure per i conglomerati bituminosi destinati al riempimento delle buche.