Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Elementi tridimensionali componibili per interventi di ingegneria ambientale

Da Geosintex, la realizzazione di vasche interrate di laminazione con l'utilizzo di elementi modulari in materiale plastico al di sotto di un parcheggio con transito di mezzi pesanti

Elementi tridimensionali componibili per interventi di ingegneria ambientale

La Geosintex Srl da alcuni anni importa e distribuisce – in esclusiva per l’Italia – dei moduli tridimensionali dal nome commerciale di Flo Tank, fabbricati dalla australiana Atlantis che li commercializza in tutto il mondo.

Immagini

  • La fase di realizzazione della vasca interrata con i moduli Flo Tank
    article_319-img_5388
    La fase di realizzazione della vasca interrata con i moduli Flo Tank
  • Il singolo modulo Flo Tank
    article_319-img_5389
    Il singolo modulo Flo Tank
  • article_319-img_5390
  • Le fasi conclusive di realizzazione di una vasca interrata
    article_319-img_5391
    Le fasi conclusive di realizzazione di una vasca interrata
  • La vasca interrata sotto un parcheggio
    article_319-img_5392
    La vasca interrata sotto un parcheggio

Sono moduli tridimensionali componibili in polipropilene pressofuso, con elevato indice alveolare e autoportanti, ampiamente utilizzati in campo idraulico al fine di applicare il principio dell’invarianza idraulica; in particolare, grazie ad essi è possibile realizzare bacini interrati di laminazione, drenaggio e infiltrazione, consentendo il riutilizzo dell’area di intervento grazie all’eccellente resistenza alla compressione, per realizzare strade, parcheggi e piazzali con carichi stradali di prima categoria. Inoltre possono essere utilizzati per realizzare trincee drenanti.

La Regione Veneto come esempio per l’“invarianza idraulica”

La Giunta Regionale del Veneto, secondo quanto riportato nella D.G.R. n° 3637 del 12.12.2002 poi confermata nel Piano di Tutela delle Acque adottato con Delibera n° 4453 del 29.12.2004 e successive modifiche, ha previsto che per tutti gli strumenti urbanistici generali e le varianti sia presentata una valutazione di compatibilità idraulica.

Lo studio di compatibilità idraulica viene eseguito, prima di qualsiasi intervento di espansione edilizia, al fine di determinare il volume eccedente da immagazzinare, per mantenere costante il coefficiente udometrico secondo il principio dell’invarianza idraulica.

Le principali caratteristiche dei Flo Tank

I moduli Flo Tank sono elementi tridimensionali componibili in polipropilene pressofuso, con eccellente resistenza alla compressione ed elevato indice alveolare (95% contro il 20% circa dei materiali ghiaiosi).

Grazie a tali caratteristiche, il sistema può accumulare un volume d’acqua equivalente ai sistemi tradizionali con un notevole risparmio di occupazione di superficie in pianta.

Un esempio di valutazione di compatibilità idraulica

Nell’articolo sono descritti i principali passaggi per lo studio di compatibilità idraulica per un’ipotetica area verde in cui sia prevista la realizzazione di un parcheggio e di strade di servizio, con transito di mezzi pesanti.

Dai calcoli eseguiti si ottiene un volume da immagazzinare di 230 m3 circa. A tale scopo sarà sufficiente una vasca realizzata con i moduli Flo Tank, come si evince dalla sezione tipo riportata, con le dimensioni di seguito elencate:

  • altezza = 1,31 m (tre Flo Tank sovrapposti);
  • larghezza = 13 m;
  • lunghezza = 15 m.
Conclusioni

La necessità di realizzare dei volumi in grado di recepire le eccedenze idrauliche dovute alla continua riduzione di superfici drenanti, risulta essere una questione attuale e di rilevante importanza. L’utilizzo di nuove metodologie (i Flo Tank) che, oltre ad essere di minore impatto ambientale, sono costituite da materiali completamente riciclabili, permettono, grazie alle elevate caratteristiche idrauliche e di portanza, di riutilizzare spazi sotto forma di parcheggi, strade e piazzali e di garantire l’invarianza idraulica con i vantaggi di seguito elencati:

  • estrema velocità e facilità di montaggio e posa anche in aree difficilmente accessibili (leggeri e facili da comporre fra loro e da trasportare);
  • riduzione dei volumi di scavo (tutti i moduli possiedono il 95% dei vuoto contro al 20% circa delle ghiaie);
  • la struttura modulare permette di realizzare volumi di invaso di dimensioni varie a seconda delle necessità;
  • elevata capacità portante di tutti i moduli (in grado di resistere a carichi di prima categoria) che permette pertanto di riutilizzare le aree di intervento per parcheggi, strade di lottizzazione;
  • alta capacità di filtrazione grazie all’avvolgimento (obbligatorio) con adeguati geotessili nontessuti dimensionati a seconda del caso;
  • assenza di solette in cemento o fondazioni;
  • possibilità di riutilizzare le acque accumulate ad esempio per irrigazione o giardinaggio.