Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Opere ambientali e percorsi ciclopedonali

L’ottica più efficace per inquadrare A58-TEEM è il grandangolo offerto dalla dimensione d’infrastruttura-sistema che racchiude in sé non solo un’autostrada e una rete viaria a percorrenza gratuita connessa, ma anche un complesso di aree verdi scaturite dalla realizzazione di nove progetti speciali ambientali (60 milioni di Euro di investimenti garantiti dai Soci privati di Tangenziale Esterna SpA) e accessibili soprattutto attraverso la mobilità dolce

L’apertura (16 Maggio 2015) di A58-TEEM (32 km da Agrate Brianza a Melegnano raccordati a Nord con A4 Torino-Trieste, al Centro con A35 BreBeMi e a Sud con A1 Milano-Napoli) e successivamente delle strade integrate (38 km nel quadrante Est-Sud dell’Area Metropolitana) ha accelerato – anziché rallentarla – la consegna delle aree verdi e dei percorsi ciclopedonali agli Enti locali che avevano identificato nei PSA le opere di compensazione per il territorio.

Alla costruzione e all’entrata in esercizio, secondo cronoprogramma, dell’Autostrada e delle arterie connesse, i Media hanno dato un risalto che si è riflesso positivamente sull’utilizzo del tracciato di A58-TEEM e delle Bretelle e Varianti taglia-code da parte di un sempre crescente numero di automobilisti, autotrasportatori e motociclisti. Però solo adesso che i nove PSA, innervati come sono da 35 km di percorsi ciclopedonali, incominciano a essere fruiti, nei fine settimana, da migliaia di appassionati delle biciclettate e delle camminate, giornali, televisioni, radio e social stanno scoprendo queste opere per troppo tempo ritenute, a torto, minori.

  • L’argine del Molgora
    L’argine del Molgora
    L’argine del Molgora
  • Un ciclista lungo una delle nuove piste nei pressi di Cerro al Lambro (MI)
    Un ciclista lungo una delle nuove piste nei pressi di Cerro al Lambro (MI)
    Un ciclista lungo una delle nuove piste nei pressi di Cerro al Lambro (MI)
  • Nuove piantumazioni sotto il viadotto Lambro di A58-TEEM
    Nuove piantumazioni sotto il viadotto Lambro di A58-TEEM
    Nuove piantumazioni sotto il viadotto Lambro di A58-TEEM

Proprio nella stagione che più stimola il desiderio di escursioni nel verde, l’alto gradimento per i siti rinaturalizzati e riforestati dalla Concessionaria Tangenziale Esterna SpA e dai Consorzi Costruttori (Lambro Scarl, Arco TEEM e Norte) dimostra, insomma, l’applicabilità alla costruzione di A58-TEEM del cosiddetto postulato fondamentale di Antoine-Laurent de Lavoisier: “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”. Soprattutto a Pasquetta, tradizionale giornata delle gite fuoriporta, ma anche nei week end di primavera, i 35 km di percorsi ciclopedonali si sono rivelati accessibili, grazie all’utilizzo combinato di auto e bici, dai caselli di A58-TEEM.