Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Pavimentazioni per nuove aree di sosta nell’aeroporto di Orio al Serio

Nell’ambito del piano di sviluppo dell’aeroporto di Milano Bergamo, la cordata di Imprese formata da Artifoni SpA, Impresa Milesi geom. Sergio Srl, Imemont Srl e Enneci Srl si è aggiudicata l’appalto per “L’ampliamento del piazzale Nord in direzione Est” per un importo di circa 11.000.000 Euro. Le opere rientrano nello scenario di pianificazione a lungo termine di S.A.C.B.O. SpA finalizzato a soddisfare i crescenti fabbisogni infrastrutturali e ottimizzare la funzionalità dello scalo. Tra le varie opere previste nell’appalto, la fornitura, la stesa e i controlli in opera dei calcestruzzi e dei conglomerati bituminosi sono stati affidati alla Mandante Impresa Milesi geom. Sergio Srl

La preparazione e le stese

L’Impresa Milesi Geom. Sergio Srl ha eseguito parte delle opere di sbancamento e ha curato totalmente le stese del misto cementato e degli asfalti, la preparazione dei fondi, la stabilizzazione, la produzione e fornitura di calcestruzzo per la pavimentazione centrale rigida, realizzata con una Slipform Paver dalla Subappaltatrice NordPavi Srl.

Sono stati forniti da Milesi anche tutti i conglomerati bituminosi utilizzati per le pavimentazioni flessibili, provenienti da uno dei due impianti di proprietà dell’Azienda, situato a Martinengo (BG). I lavori hanno avuto inizio il 2 Maggio scorso e sono stati organizzati in quattro fasi. 

Lo sbancamento e la rigenerazione

La prima fase, che si è svolta dall’inizio di Maggio fino ai primi di Giugno, ha compreso lo sbancamento del terreno esistente, la rigenerazione del sottofondo con cemento su tutta la superficietramite l’utilizzo di una stabilizzatrice Wirtgen WR 2400, e la stesa di 30 cm di misto granulare. In questa fase, si sono alternati sul cantiere due Caterpillar D6 di proprietà Milesi.

Un impianto di frantumazione mobile Kleemann è stato utilizzato per la creazione delle varie pezzature a partire dal fuso granulometrico: 0,50 per il misto granulare e 0,30 per il misto cementato.

La pendenza originaria del piazzale esistente ha richiesto un progressivo aumento della sezione di scavo da Est verso Ovest: da un semplice scortico di 20 cm nella parte orientale si è arrivati fino a un massimo di 1-1,10 m. 

Il misto cementato

Per il confezionamento del misto cementato, che ha coinciso con la seconda fase dei lavori, è stata utilizzata un’area di produzione nella parte Nord del cantiere, con un impianto mobile Wirtgen KMA 200 e la WR 2400 di proprietà Milesi operante sul banco per la preparazione del sottofondo: da qui il materiale veniva raccolto con una pala e portato su camion alla finitrice cingolata Voegele 1900, anch’essa di proprietà dell’Azienda, per la stesa in loco.

Il misto cementato è stato realizzato da due squadre partendo della Taxilane Y, ovvero la via di rullaggio situata a Nord. Prima ancora di portare allo stesso stadio di lavorazione la Taxiway W, che a livello di misto granulare e misto cementato è stata completata per ultima, si è scelto di procedere con il sottofondo del lastronato centrale, in modo da poter partire con la pavimentazione in calcestruzzo, che inizialmente era prevista in Luglio.