Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Pavimentazioni per nuove aree di sosta nell’aeroporto di Orio al Serio

Nell’ambito del piano di sviluppo dell’aeroporto di Milano Bergamo, la cordata di Imprese formata da Artifoni SpA, Impresa Milesi geom. Sergio Srl, Imemont Srl e Enneci Srl si è aggiudicata l’appalto per “L’ampliamento del piazzale Nord in direzione Est” per un importo di circa 11.000.000 Euro. Le opere rientrano nello scenario di pianificazione a lungo termine di S.A.C.B.O. SpA finalizzato a soddisfare i crescenti fabbisogni infrastrutturali e ottimizzare la funzionalità dello scalo. Tra le varie opere previste nell’appalto, la fornitura, la stesa e i controlli in opera dei calcestruzzi e dei conglomerati bituminosi sono stati affidati alla Mandante Impresa Milesi geom. Sergio Srl

Presso l’aeroporto di Milano Bergamo sono giunti alla fase finale i lavori di ampliamento in direzione Est del piazzale Nord esistente, commissionati da S.A.C.B.O. SpA a una ATI composta da Impresa Edile Stradale Artifoni SpA (Mandataria), Impresa Milesi geom. Sergio Srl (www.milesisergiosrl.it), IME Imemont Srl e IME Enneci Srl (mandanti).

L’intervento, la cui progettazione esecutiva è stata affidata a un Team composto dalla Capogruppo SO.CE.Engineering Group Srl, Technital SpA, ETS SpA e M+ Associati, interessa una superficie complessiva di circa 104.000 m2, di cui 36.000 destinati al prolungamento della Taxilane Y, 32.000 occupati dall’ampliamento del piazzale Nord e 36.000 per il prolungamento della Taxiway W.

  • Stesa
    1 orio
    L’Impresa Milesi geom. Sergio Srl ha fornito tutti i calcestruzzi e i conglomerati bituminosi - sui quali ha eseguito i controlli in opera attraverso il proprio laboratorio interno - ha curato la preparazione dei fondi e degli sbancamenti e ha eseguito tutte le stese
  • planimetria
    2 orio
    La planimetria generale dell’intervento, in cui sono evidenziate in rosso le due vie di rullaggio con pavimentazione flessibile e in giallo ocra l’area centrale per la sosta prolungata con pavimentazione rigida
  • Wirtgen
    3 orio
    La predisposizione dell’impianto HRS in vista della terza fase dei lavori, in cui verrà realizzato un deposito carburante a Nord
  • Aeroporti
    4A orio
    Le fasi dedicate allo sbancamento del terreno esistente
  • Orio al Serio
    4B orio
    Le fasi dedicate alla rigenerazione del sottofondo
  • Impianto
    5A orio
    L’area di produzione con l’impianto mobile Wirtgen KMA 200
  • produzione
    5B orio
    L’area di produzione con l’impianto mobile Wirtgen KMA 200
  • rullaggio
    6 orio
    La stratigrafia del pacchetto pavimentazione flessibile, adottato per le vie di rullaggio Y e W
  • misto cementato
    7A orio
    Le fasi di stesa del misto cementato
  • Pista
    7B orio
    Le fasi di stesa del misto cementato
  • Milesi
    8 orio
    Tutti i conglomerati bituminosi sono stati prodotti nell’impianto della Milesi a Martinengo
  • calcestruzzo
    9 orio
    La stratigrafia della pavimentazione rigida in calcestruzzo
  • Slipform
    10A orio
    Le fasi di lavorazione del lastronato con la Slipform
  • lastronato
    10B orio
    Le fasi di lavorazione del lastronato con la Slipform
  • casseratura
    11 orio
    La fornitura di calcestruzzo dallo stabilimento Milesi di Brusaporto (BG) è avvenuta tramite betoniera per le parti che hanno richiesto la casseratura e su camion per la Slipform
  • stratigrafia
    12 orio
    Nella fase di realizzazione dei lastronati i controlli in opera sono stati eseguiti quotidianamente
  • fognoli
    13 orio
    I fognoli realizzati con canali in calcestruzzo armato
  • strip
    14 orio
    La stratigrafia della strada perimetrale
  • shoulder
    15 orio
    Gli shoulder
  • scalo
    16 orio
    L’adeguamento della strip
  • transizione
    17A orio
    Particolare di transizione 1
  • conglomerati bituminosi
    17B orio
    Particolare di transizione 2
  • KMA
    17C orio
    Particolare di transizione 3

Il piano di sviluppo aeroportuale

Inserito da S.A.C.B.O. in un piano di sviluppo aeroportuale con intervallo temporale 2015-2030, per un totale di investimenti pari a 400 milioni di Euro di lavoro ripartiti tra infrastrutture di volo e terminal, questo intervento è mirato alla realizzazione di un nuovo polmone situato a Nord da destinare in futuro a un’area merci, liberando a Sud quella passeggeri.

In tal modo, verranno separati i due flussi, consentendo un importante cambiamento rispetto alla situazione degli accessi che si è avuta fino a oggi: traffico misto a Sud e utilizzo della parte Nord come area di backup per la lunga sosta.