Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il quadro normativo per la segnaletica orizzontale

Lettera aperta ai Produttori di materiali per segnaletica stradale orizzontale

Egregi Produttori,

Immagini

  • Il campo prove per segnaletica orizzontale
    article_382-img_4938
    Il campo prove per segnaletica orizzontale
  • L’applicazione della segnaletica orizzontale in un campo prove
    article_382-img_4939
    L’applicazione della segnaletica orizzontale in un campo prove
  • Lo schema di una tavola rotante dalla Norma UNI EN 13197
    article_382-img_4940
    Lo schema di una tavola rotante dalla Norma UNI EN 13197
  • La periodicità delle misurazioni: altre periodicità di misura possono essere utilizzate in campi prova con scopi particolari
    article_382-img_4941
    La periodicità delle misurazioni: altre periodicità di misura possono essere utilizzate in campi prova con scopi particolari

nel caso in cui in Italia fosse presente un campo prove per la segnaletica stradale, che fornisse i dati sulla durabilità dei prodotti utili al conseguimento della marcatura CE, e consentisse anche l’analisi del comportamento in situ dei materiali, richiedereste di applicare i vostri prodotti nel campo prove ipotizzato?

E se sì, quanti prodotti?

Per rispondere a tale domanda è necessario fornire ulteriori informazioni sul quadro normativo relativo ai prodotti per la segnaletica orizzontale nel contesto dell’Unione Europea:

  • attualmente nel nostro Paese non vengono richieste omologazioni per la segnaletica orizzontale, ma per volere della Commissione Europea sarà necessaria applicare, appena possibile, la marcatura CE;
  • in ambito europeo il gruppo di lavoro CEN TC226 WG2 sta sviluppando le Norme UNI EN 1790 per i laminati e i preformati e UNI EN 1871 per pitture termoplastici e colati plastici a freddo le quali contengono l’ormai noto Allegato ZA che contiene tutte le informazioni per la marcatura CE. Le due Norme sono ancora in fase di approvazione ma è già noto che per ottenere la marcatura CE dei materiali per segnaletica orizzontale sarà necessario eseguire e superare una prova di durabilità dei prodotti applicati;
  • le Norme Europee sviluppate e pubblicate dal CEN TC226 WG2 prevedono due possibilità per le prove di durabilità: prove simulate in laboratorio su tavola rotante in cui le condizioni di prova sono costanti (UNI EN 13197) e prove di durabilità su strada in cui le condizioni di prova sono variabili (UNI EN 1824). In alcuni Paesi europei, già da diversi anni i materiali per segnaletica orizzontale vengono sottoposti a prove di durabilità in conformità alle Norme europee, al fine di dotarli dell’omologazione e quindi dell’autorizzazione all’utilizzo nei rispettivi territori nazionali, ma anche per eseguire ricerche sui prodotti.

A tali fini, per ottenere le omologazioni e per la ricerca sui prodotti, in Francia, Belgio, Repubblica Ceca ed altri Stati, vengono eseguite le prove su strada, mentre in Germania e in Spagna sono utilizzate le prove su tavola rotante.

In Italia non è disponibile nessuna delle due possibilità, per cui le Aziende interessate che esportano nel mercato europeo qualificano i loro prodotti nei Paesi in cui tali possibilità sono offerte da Enti notificati, pubblici e/o privati. Per ragioni legate sia alla tutela delle Aziende nazionali che operano nel settore della segnaletica orizzontale che a criteri di economicità nei costi correlati alle procedure di certificazione ai fini dell’eventuale acquisizione della marcatura CE, ma anche per rispondere a una delle richieste peculiari dei Capitolati degli Enti gestori in merito alla durata nel tempo delle caratteristiche prestazionali dei prodotti, si rende adesso necessario verificare le possibilità connesse alla realizzazione di un campo prove, aderente ai requisiti prescritti dalle Norme europee, in cui verificare la “durabilità” dei materiali per la segnaletica orizzontale.

Come primo passo è necessario acquisire le informazioni sul potenziale bacino d’utenza.

Le caratteristiche del campo prove che si potrebbe realizzare sul territorio nazionale sono:

  • completa conformità con la Norma UNI EN 1824 “Materiali per segnaletica orizzontale – Prove su strada” in merito alla tipologia del campo di prova, alle condizioni meteorologiche, del traffico e della superficie stradale, alle modalità di applicazione dei prodotti e di misurazione dei parametri prestazionali, del numero di passaggi di ruote e della percentuale dei veicoli pesanti;
  • campo di prova dotato di centralina meteorologica, sistema per la rilevazione della temperatura della pavimentazione e dispositivi per il monitoraggio del traffico.

Le caratteristiche misurate saranno quelle descritte nella Norma UNI EN 1436 “Materiali per segnaletica orizzontale – Prestazioni della segnaletica orizzontale per gli utenti della strada”: 

  • coefficiente di luminanza retroriflessa (visibilità notturna), misurato in condizioni di superficie asciutta (RL), bagnata (RW) e sotto la pioggia (RR);
  • coefficiente di luminanza in condizioni di illuminazione diffusa (visibilità diurna Qd);
  • fattore di luminanza e coordinate cromatiche (β e il colore x, y);
  • resistenza al derapaggio (resistenza allo slittamento SRT).

Potranno essere misurati altri parametri preventivamente concordati con i singoli Produttori (ad esempio, il rapporto di contrasto tra la segnaletica e la pavimentazione limitrofa e lo spessore finale della striscia con il metodo di analisi delle immagini).

Le misurazioni saranno cadenzate temporalmente in conformità della Norma di riferimento.

Il rapporto di prova conterrà le informazioni generali sul richiedente (persona fisica o giuridica), la descrizione del prodotto; i dati tecnici relativi all’applicazione, le macchine utilizzate; il tempo di essiccazione, i quantitativi applicati, le informazioni relative alla superficie stradale in cui il prodotto è stato applicato, le condizioni meteo nel periodo di applicazione, il periodo di applicazione, sei o 12 mesi (un intero ciclo climatico è di 12 mesi) per i materiali temporanei e permanenti; i parametri prestazionali rilevati.

L’organizzazione del campo prove sarà gestita senza scopo di lucro. Il prezzo richiesto per le applicazioni di ogni singolo prodotto e per le relative misure prestazionali sarà in linea con quelli richiesti negli altri siti europei di certificazione.

Cari Produttori, al fine di quantificare il bacino di utenza in funzione della valutazione della fattibilità di un campo prove su strada così come brevemente descritto, applichereste i vostri prodotti ai fini della marcatura CE o di ricerca e sviluppo? E se sì, quanti prodotti?

Si prega di inviare risposte o commenti a iscaldaferri@gmail.it.