Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Gli investimenti nel settore dei trasporti in Italia e nell’UE

L’obiettivo di questo studio è quello di valutare lo stato del settore dei trasporti e gli investimenti ad esso dedicati negli anni post-crisi economica

Il nostro Paese ha complessivamente perso 7,7 punti percentuali di PIL e 13,6 di produzione industriale; nello stesso periodo, gli investimenti destinati alle infrastrutture di trasporto si sono più che dimezzati, passando da 21 miliardi nel 2007 a circa 8 nel 2013 (fonte statistiche OCSE). L’obiettivo di questo studio è quello di valutare lo stato del settore dei trasporti e gli investimenti ad esso dedicati negli anni post-crisi economica. In particolare, da un lato si analizza l’impatto negativo (in termini di perdita di PIL) dell’investment gap dovuto alla grande recessione in Italia e nell’area UE-15, dall’altro viene stimato il gap che si è osservato al 2013 tra I’Italia e l’UE-15, in termini di quantità e di qualità delle infrastrutture.

Nello specifico si identifica, tramite il raffronto con gli altri Paesi UE, sia l’impatto che gli investimenti hanno sulla crescita economica e, in generale, sulla competitività del sistema economico, sia i fattori specifici che potrebbero influenzarne un possibile “return on investment”; nella prima sezione, rivolta alla tematica con un taglio “macroeconomico”, sono state utilizzate tre diverse misure capaci di valutare l’adeguatezza strutturale: gli stanziamenti finanziari destinati allo sviluppo, l’indice di dotazione e l’indice di accessibilità. Adeguati piani d’investimento settoriali sono in grado di contribuire positivamente alla crescita di un Paese ma è vero anche che un mancato e/o disconnesso sviluppo strutturale potrebbe pesare molto sull’economia in termini di competitività e di PIL.

Di conseguenza, la corretta individuazione dei fattori che determinano una maggiore e/o minore attrattività di risorse finanziarie e/o economiche e, di eventuali carenze e ostacoli (normativi, industriali, finanziari, ecc…), che ne potrebbero influenzare la riuscita nel complesso contesto italiano, può fornire spunti di riflessione e suggerimenti di policy in grado di contribuire alla pianificazione di strategie economico/infrastrutturali in grado di dare un forte e deciso impulso di crescita.

  • Vista delle infrastrutture di trasporto in Italia
    Vista delle infrastrutture di trasporto in Italia
    Vista delle infrastrutture di trasporto in Italia
  • La spesa degli investimenti in Italia per le infrastrutture di trasporto (% PIL)
    La spesa degli investimenti in Italia per le infrastrutture di trasporto (% PIL)
    La spesa degli investimenti in Italia per le infrastrutture di trasporto (% PIL)
  • L’impatto sul PIL dell’investment gap sia per l’Italia che per l’UE-15 nel periodo 2008-2013
    L’impatto sul PIL dell’investment gap sia per l’Italia che per l’UE-15 nel periodo 2008-2013
    L’impatto sul PIL dell’investment gap sia per l’Italia che per l’UE-15 nel periodo 2008-2013
  • La correlazione tra dotazione infrastrutturale e priorità di intervento in Italia
    La correlazione tra dotazione infrastrutturale e priorità di intervento in Italia
    La correlazione tra dotazione infrastrutturale e priorità di intervento in Italia
  • L’indice di dotazione infrastrutturale in Italia nel periodo 1995-2013
    L’indice di dotazione infrastrutturale in Italia nel periodo 1995-2013
    L’indice di dotazione infrastrutturale in Italia nel periodo 1995-2013
  • Il confronto internazionale in termini di dotazione dei sistemi di trasporto rapido di massa
    Il confronto internazionale in termini di dotazione dei sistemi di trasporto rapido di massa
    Il confronto internazionale in termini di dotazione dei sistemi di trasporto rapido di massa
  • Il confronto Italia-Europa: l’attrattività dei parametri per la realizzazione degli investimenti in infrastrutture di trasporto
    Il confronto Italia-Europa: l’attrattività dei parametri per la realizzazione degli investimenti in infrastrutture di trasporto
    Il confronto Italia-Europa: l’attrattività dei parametri per la realizzazione degli investimenti in infrastrutture di trasporto