Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

EN 474: revisione della Norma europea per le macchine movimento terra

Le macchine movimento terra in Europa ricadono sotto lo scopo della Direttiva 2006/42/CE (Direttiva Macchine) che ne stabilisce i requisiti essenziali di sicurezza e richiede l’apposizione della marcatura CE

macchine movimento terra

Le macchine movimento terra in Europa ricadono sotto lo scopo della Direttiva 2006/42/CE (Direttiva Macchine) che ne stabilisce i requisiti essenziali di sicurezza e richiede l’apposizione della marcatura CE. Fin dal 1994, anno della prima pubblicazione, è disponibile un set di Norme armonizzate che fornisce i dettagli tecnici per soddisfare i requisiti espressi nella suddetta Direttiva, dando così la presunzione di conformità a chi la applica nello sviluppo dei propri prodotti e, allo stesso tempo, è lo strumento utilizzato dalle Autorità di Controllo e Sorveglianza del mercato per verificare la conformità dei prodotti immessi sul mercato.

La Norma armonizzata in questione è la EN474 che, dopo la sua prima pubblicazione nel 1994 e successiva revisione nel 2006, vede ora ripartire il processo per una nuova e profonda revisione. La Norma si compone attualmente di 12 parti che diventeranno 13 nella futura revisione per l’introduzione di una nuova parte relativa ai rollers, al momento trattati da un’altra Norma armonizzata, la EN500.

  • Direttiva
    cuna 1
  • Marcature CE
    cuna 2
    La serie di Norme EN 474 “macchine movimento terra - sicurezza”

La parte 1 stabilisce i criteri generali, ai quali vanno affiancati quelli specifici per le varie tipologie di macchine trattate dalla parte 2 alla 13. Motivo principale dell’avvio del processo di revisione, gestito dal gruppo europeo di Esperti CEN/TC151/WG1 “Earth-moving machinery – Safety”, è l’introduzione di requisiti minimi di sicurezza per tutte le nuove tecnologie che negli ultimi anni si stanno affacciando nel panorama delle macchine movimento terra.

L’innovazione tecnologica sta aprendo le porte a nuovi sistemi di alimentazione, materiali, macchine autonome o controllate da remoto, utilizzo sempre maggiore dell’elettronica nella gestione e nel controllo delle macchine. Questi temi, alcuni dei quali ancora agli albori, richiedono in parallelo lo sviluppo di requisiti normativi che guidino e supportino la progettazione al fine di avere prodotti con un sempre maggior grado di sicurezza per gli operatori e chiunque si trovi a contatto con queste macchine.