Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Stream C: la soluzione GPR per la mappatura 3D dei sottoservizi

La Società IDS Georadar ha messo a punto un georadar a doppia polarizzazione e alta densità di dati per la mappatura accurata delle reti di sottoservizi

Sono molte le Organizzazioni pubbliche e private in Italia e nel resto del mondo che detengono, a vario titolo, la responsabilità della progettazione e della gestione tecnico-amministrativa e della manutenzione delle reti di sottoservizi quali acqua potabile, drenaggio di acque meteoriche, linee telefoniche, fibre ottiche, fognature, ecc…

Nell’ambito di tale attività gestionale, si configura la necessità di conoscere – con adeguata precisione – la distribuzione e l’estensione delle interferenze dei sottoservizi in un determinato areale. Queste informazioni sono spesso parziali, talvolta non disponibili, e comunque necessitano di aggiornamento continuo. In aggiunta a quanto sopra, l’accuratezza dell’informazione richiesta (posizione dei sottoservizi) e l’estensione areale delle informazioni rappresentano degli obiettivi di particolare interesse sia tecnico che logistico.

  • Lo Stream C è il georadar a doppia polarizzazione e alta densità di dati per la mappatura accurata delle reti di sottoservizi
    Lo Stream C è il georadar a doppia polarizzazione e alta densità di dati per la mappatura accurata delle reti di sottoservizi
    Lo Stream C è il georadar a doppia polarizzazione e alta densità di dati per la mappatura accurata delle reti di sottoservizi
  • Il sistema Stream C
    Il sistema Stream C
    Il sistema Stream C
  • Lo Stream C trainato da veicolo
    Lo Stream C trainato da veicolo
    Lo Stream C trainato da veicolo
  • Un esempio di tomografia radar ottenuta da GRED HD 3D CAD in cui sono rappresentati in rosso le tubazioni rilevate
    Un esempio di tomografia radar ottenuta da GRED HD 3D CAD in cui sono rappresentati in rosso le tubazioni rilevate
    Un esempio di tomografia radar ottenuta da Gred HD 3D CAD in cui sono rappresentati in rosso le tubazioni rilevate
  • Un esempio di data set in 3D di Stream C in cui sono rappresentati gli oggetti (sottoservizi) rilevati
    Un esempio di data set in 3D di Stream C in cui sono rappresentati gli oggetti (sottoservizi) rilevati
    Un esempio di data set in 3D di Stream C in cui sono rappresentati gli oggetti (sottoservizi) rilevati
  • Un esempio di mappa, generata in automatico dal software Gred HD CAD, in formato AutoCAD (.dwg)
    Un esempio di mappa, generata in automatico dal software Gred HD CAD, in formato AutoCAD (.dwg)
    Un esempio di mappa, generata in automatico dal software Gred HD CAD, in formato AutoCAD (.dwg)
  • Un esempio di rappresentazione dei sottoservizi rilevati e trasferiti come file .kml su Google Earth
    Un esempio di rappresentazione dei sottoservizi rilevati e trasferiti come file .kml su Google Earth
    Un esempio di rappresentazione dei sottoservizi rilevati e trasferiti come file .kml su Google Earth

Le tecniche più frequentemente impiegate per l’identificazione nel sottosuolo di tubazioni e cavi di varia origine e destinazione d’uso possono essere divise in due grandi categorie:

  • tecniche dirette (scavi e trincee esplorative);
  • tecniche indirette (Tecniche Non Distruttive – NDT, in genere).