Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il ponte 112/3 Corvara

La Provincia Autonoma di Bolzano ha provveduto ai lavori di risanamento e di rifacimento parziale dell’opera nel comune di Moso, in Passiria

La situazione originaria

Il ponte 112/3, situato sulla S.P. 112 alla p.k. 2+815, è una struttura per il superamento del Passirio in località Corvara in Passiria (nel comune di Moso, in Passiria – BZ) e si trova a una quota di circa 1.350 m s.l.m. nei pressi del confine con l’Austria. La struttura esistente, costruita alla fine degli anni Settanta, consisteva in una struttura mista acciaio-calcestruzzo di lunghezza pari a circa 90 m su tre campate. La larghezza complessiva dell’impalcato era di 5,35 m, mentre quella della carreggiata era di circa 4,35 m. Gli appoggi centrali erano due pile rettangolaricave di dimensione di 5,0×2,5 m, con all’interno delle solette intermedie in calcestruzzo. La pila più alta misurava circa 26,0 m.

Nell’anno 2009, è stato eseguito un controllo statico con verifica della transitabilità, dal quale è risultato che l’opera – sotto la prescrizione che la larghezza della gareggiata doveva essere ridotta simmetricamente a 3,50 m – era da classificare come ponte di seconda categoria ridotta. Viste le condizioni ammalorate delle strutture e le prescrizioni di cui sopra, la Provincia Autonoma di Bolzano, nel 2015, ha pubblicato un Bando per il risanamento e il rifacimento parziale del ponte.

  • Lo stato iniziale delle strutture (la spalla destra con l’impalcato)
    Lo stato iniziale delle strutture (la spalla destra con l’impalcato)
    Lo stato iniziale delle strutture (la spalla destra con l’impalcato)
  • Il riplaccaggio delle pile esistenti
    Il riplaccaggio delle pile esistenti
    Il riplaccaggio delle pile esistenti
  • La demolizione dell’impalcato esistente
    La demolizione dell’impalcato esistente
    La demolizione dell’impalcato esistente
  • La demolizione dell’impalcato esistente
    La demolizione dell’impalcato esistente
    La demolizione dell’impalcato esistente
  • Il varo del concio preassemblato delle travi dell’impalcato
    Il varo del concio preassemblato delle travi dell’impalcato
    Il varo del concio preassemblato delle travi dell’impalcato
  • Il varo delle lastre prefabbricate dell’impalcato
    Il varo delle lastre prefabbricate dell’impalcato
    Il varo delle lastre prefabbricate dell’impalcato
  • Un dettaglio delle mensole per il getto del cordolo
    Un dettaglio delle mensole per il getto del cordolo
    Un dettaglio delle mensole per il getto del cordolo
  • Il collaudo del ponte
    Il collaudo del ponte
    Il collaudo del ponte
  • Il collaudo del ponte
    Il collaudo del ponte
    Il collaudo del ponte
  • Il ponte finito
    Il ponte finito
    Il ponte finito

Le fasi principali del progetto prevedevano la realizzazione di micropali per il rinforzo delle fondazioni delle pile, il riplaccaggio delle pile con un getto di calcestruzzo di spessore 30 cm, la demolizione dell’impalcato, la posa della nuova struttura a travi in acciaio per l’impalcato, la realizzazione della soletta in calcestruzzo collaborante, l’impermeabilizzazione dell’opera, e l’asfaltatura. Una particolare problematica della progettazione consisteva nel fatto che il ponte è l’unico collegamento della frazione con la S.S. 44bis del Passo del Rombo e quindi con la Val Passiria. Per questo motivo doveva essere garantita la continuità del traffico in fase lavorativa.