Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Miscele stradali ad elevata valenza ambientale

I conglomerati bituminosi tiepidi preparati con scoria d’acciaieria

La crescente attenzione nei confronti delle tematiche di tipo ambientale rappresenta, a tutt’oggi, un grande incentivo nella messa a punto di materiali stradali e tecniche costruttive del tutto innovativi. L’impiego di materiali marginali, all’interno dei conglomerati bituminosi, costituisce una pratica di importanza strategica per la salvaguardia ambientale e la prevenzione dell’inquinamento. In tal senso, il riutilizzo di scoria di acciaieria, sottoprodotto delle lavorazioni dell’industria siderurgica, può garantire il confezionamento di pavimentazioni stradali eco-sostenibili, capaci di coniugare benefici di tipo ambientale (ridotto consumo di aggregato vergine, riduzione dello smaltimento industriale), economico (bassi costi di produzione) e prestazionale.

  • La fase di produzione della scoria
    La fase di produzione della scoria
    La fase di produzione della scoria
  • Una scoria di acciaieria
    Una scoria di acciaieria
    Una scoria di acciaieria
  • Le caratteristiche di base dei leganti bituminosi utilizzati
    Le caratteristiche di base dei leganti bituminosi utilizzati
    Le caratteristiche di base dei leganti bituminosi utilizzati
  • Le caratteristiche di base degli aggregati utilizzati
    Le caratteristiche di base degli aggregati utilizzati
    Le caratteristiche di base degli aggregati utilizzati
  • Le curve di compattazione
    Le curve di compattazione
    Le curve di compattazione
  • L’indice CEI (Compaction Energy Index)
    L’indice CEI (Compaction Energy Index)
    L’indice CEI (Compaction Energy Index)
  • I moduli di rigidezza ITSM (T = 20 °C)
    I moduli di rigidezza ITSM (T = 20 °C)
    I moduli di rigidezza ITSM (T = 20 °C)
  • Le curve di fatica (T = 20 °C)
    Le curve di fatica (T = 20 °C)
    Le curve di fatica (T = 20 °C)
  • Le curve sperimentali delle prove di carico assiale ripetuto (T = 40 °C)
    Le curve sperimentali delle prove di carico assiale ripetuto (T = 40 °C)
    Le curve sperimentali delle prove di carico assiale ripetuto (T = 40 °C)
  • La resistenza alle deformazioni permanenti: sintesi dei risultati
    La resistenza alle deformazioni permanenti: sintesi dei risultati
    La resistenza alle deformazioni permanenti: sintesi dei risultati
  • La sintesi dei risultati delle prove ITS
    La sintesi dei risultati delle prove ITS
    La sintesi dei risultati delle prove ITS

La scoria è un prodotto di scarto dei processi di produzione e raffinazione dell’acciaio, largamente diffuso e, generalmente, destinato a smaltimento. Generata dal rottame ferroso all’interno del bagno fuso, si diversifica per caratteristiche a seconda del tipo di processo dal quale trae origine. La scoria EAF (Electric Arc Funace) è prodotta all’interno di fornaci ad arco elettrico. Essa è generalmente caratterizzata da un basso contenuto di ossido di calcio e magnesio e si presenta come un materiale duro e tenace, altamente resistente all’abrasione, a spigoli vivi e dal peso specifico elevato. La scoria EAF risulta particolarmente adatta ad essere riutilizzata come aggregato nelle costruzioni civili, ivi compresa la produzione dei conglomerati bituminosi per pavimentazioni stradali.