Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Le stabilizzatrici trainate

La stabilizzazione delle terre non è ambito esclusivo per le grandi macchine. Per far fronte alla necessità di piccoli cantieri o situazioni dove la logistica non consente di operare con le unità maggiori, le stabilizzatrici trainate possono essere la scelta ottimale

sfondo wirtgen

Dagli anni Novanta le grandi opere, Alta Velocità in primis, hanno visto lo spiegamento talvolta importante di stabilizzatrici semoventi di tutte le taglie, con picchi nel numero di unità unici in Europa; ciò a giusta ragione, viste le grandi quantità e le produzioni necessarie per raggiungere gli obiettivi di progetto.

Questa riscoperta della tecnologia faceva seguito ad un periodo di quasi oblio, dopo un precedente periodo di interesse che sfumò poi in parte per ragioni di contesto economico e in parte a causa di alcune mediocri esecuzioni. A titolo di testimonianza storica di quel primo periodo, è peraltro interessante notare che una macchina trainata, come una miscelatrice, già alla fine degli anni Cinquanta fosse utilizzata nei lavori per la realizzazione della diga sul torrente Aia in Umbria.

  • Wirtgen
    1 wirtgen
    Italia, anni Cinquanta
  • Stabilizzatrici
    2 wirtgen
    Per far fronte alla necessità di piccoli cantieri o situazioni dove la logistica non consente di operare con le unità maggiori, le stabilizzatrici trainate possono essere la scelta ottimale
  • Discarica
    3 wirtgen
    Un particolare della discarica
  • 4 wirtgen
    La stabilizzazione delle terre è a tutto diritto una tecnologia vincente se applicata con cognizione e a regola d’arte
  • Cantiere
    5 wirtgen
    Stabilizzare significa migliorare e rendere disponibili all’utilizzo di cantiere materiali marginali o non adeguati
  • Investimento
    6 wirtgen
    Bisogna tener conto che un treno di stabilizzazione pesante (macchine e spandileganti semoventi) richiede un significativo investimento economico
  • macchine
    7A wirtgen
  • Logistica
    7B wirtgen
  • scavo
    8 wirtgen
  • WS250
    9 wirtgen
    La WS250 si affianca alle più piccole WS150 e WS200 con larghezze di lavoro rispettivamente di 1,5 e 2,15 m
  • Produzione
    10 wirtgen
    L’operatore Giampaolo Penta
  • Attrezzatura
    11 wirtgen
  • Consumo
    13 wirtgen
    Giampaolo Penta, l’operatore in cantiere, ha trovato la macchina estremamente scorrevole nella lavorazione e i consumi

Il “rinascimento” della stabilizzazione ha sancito definitivamente che la stabilizzazione delle terre – se applicata con cognizione e a regola d’arte – è, a tutto diritto, una tecnologia vincente. Sulla tecnologia in sé dunque vi è poco da aggiungere; sulla progettazione delle miscele, sui controlli e sull’operatività di cantiere nulla di nuovo, visto che sono stati scritti interi volumi e fiumi di articoli. Pertanto, stupisce che dopo molti anni di importanti esperienze e risultati consolidati ancora localmente si trovi qualche sacca di non conoscenza della tecnologia o, peggio, qualche resistenza tecnica a priori.

La memoria breve è però ancora ancorata alla stabilizzazione di grandi volumi e dunque l’unico aspetto cui un breve articolo può dare ancora valore è piuttosto una riflessione sullo spettro potenziale di impiego della stabilizzazione.