Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Nel blu della metro blu

La scelta del pozzolanico di Holcim in quanto prodotto eco-efficiente perché a minor contenuto di clinker e, certificato LH, ottiene un calore di idratazione inferiore ai 270 J/g

In termini di spostamenti, la parola d’ordine oggi è mobilità sostenibile e la metropolitana – si sa – in qualità di mezzo in sotterranea è una delle infrastrutture che meglio consente di abbattere inquinamento atmosferico e acustico, poiché comporta emissioni zero e ridimensiona il traffico automobilistico con considerevoli benefici sia per l’ambiente sia per chi vive e lavora in città. Milano, come le principali metropoli europee, si sta muovendo a grandi passi nella direzione della mobilità sostenibile ed entro il 2022 la sua rete metropolitana sarà la sesta in Europa con cinque linee per un totale di 118 km di lunghezza e 136 stazioni. Nel 2022, infatti, la M4 sarà operativa e avvicinerà ancor più Milano agli standard qualitativi delle altre grandi Capitali europee.

  • Il percorso della linea blu
    Il percorso della linea blu
    Il percorso della linea blu
  • Le porte delle carrozze si aprono esclusivamente alla fermata dei treni in stazione annullando il rischio di cadute o infortuni
    Le porte delle carrozze si aprono esclusivamente alla fermata dei treni in stazione annullando il rischio di cadute o infortuni
    Le porte delle carrozze si aprono esclusivamente alla fermata dei treni in stazione annullando il rischio di cadute o infortuni
  • Il consolidamento del terreno di scavo, essendo operato con tecnologia TBM, avviene contemporaneamente allo scavo stesso
    Il consolidamento del terreno di scavo, essendo operato con tecnologia TBM, avviene contemporaneamente allo scavo stesso
    Il consolidamento del terreno di scavo, essendo operato con tecnologia TBM, avviene contemporaneamente allo scavo stesso

Si calcola che l’avvio a regime delle nuove Linee M4 e M5 possa:

  • ridurre di circa 30 milioni gli spostamenti annui su auto;
  • produrre un calo delle emissioni pari a circa il 2%;
  • portare a un abbassamento del consumo annuo di petrolio di circa 16.000.000 t.

Condividi, , Google Plus, LinkedIn,