Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Mitigazione ambientale: interventi sull’Autostrada del Mediterraneo

Per opera della Inso System Srl, l’inserimento di barriere fonoisolanti e fonoassorbenti sul tratto dalla pk 108+000 alla pk 139+000 del Macrolotto n° 2

Il progetto delle barriere antirumore relative al tracciato in oggetto è stato effettuato in accordo alle Normative vigenti in materia di inquinamento acustico, in particolare del DPCM 14/11/97. Il progetto definitivo a base di gara già includeva lo studio acustico e la relativa progettazione delle barriere acustiche ai sensi del suddetto DPCM, prescrivendo peraltro in associazione alle barriere anche l’adozione della pavimentazione fonoassorbente (si veda www.insosystem.it).

Tale studio e la conseguente progettazione sono stati elaborati a seguito delle prescrizioni sull’argomento contenute nel DEC/VIA/7558 al fine di rendere ottemperante il progetto a base di gara. La progettazione in fase costruttiva si attiene strettamente a quanto già previsto nel progetto esecutivo approvato salvo ovvi affinamenti che riguardano la parte strutturale della barriera.

  • Un dettaglio della barriera H 5
    Un dettaglio della barriera H 5
    Un dettaglio della barriera H 5
  • La barriera H 5 m con difrattore di rumore in località Renazza Nord
    La barriera H 5 m con difrattore di rumore in località Renazza Nord
    La barriera H 5 m con difrattore di rumore in località Renazza Nord
  • Il viadotto San Francesco visto dal basso
    Il viadotto San Francesco visto dal basso
    Il viadotto San Francesco visto dal basso
  • Vista del viadotto San Francesco
    Vista del viadotto San Francesco
    Vista del viadotto San Francesco
  • Vista del viadotto San Francesco con pannelli e profili in alluminio
    Vista del viadotto San Francesco con pannelli e profili in alluminio
    Vista del viadotto San Francesco con pannelli e profili in alluminio

La soluzione di cui alla specifica pone in essere le seguenti migliorie tecnico/prestazionali:

  • minore peso gravante su viadotto;
  • inattaccabilità da nebbia salina;
  • maggiore durata nel tempo delle strutture, minore manutenzione;
  • minori criticità di sicurezza ed economicità di posa.